Piccoli prestiti: aumentano le richieste di finanziamenti fino a 5 mila euro

Print Friendly, PDF & Email

Le esigenze di acquisto e le spese, sia per le famiglie che per i professionisti, sono veramente tante. Spesso non si riesce a far fronte a queste attraverso le risorse economiche nella propria disponibilità. In questi casi possono accorrere in aiuto i piccoli prestiti.

Si tratta di una tipologia di finanziamento in forte crescita, in quanto permette di far fronte alle spese in modo semplice e veloce. Quando si parla di piccoli finanziamenti, solitamente per somme non superiori ai 5 mila euro, banche e finanziarie tendono ad erogare il capitale abbastanza velocemente.

Per fare un po di chiarezza sull’argomento cercheremo di capire di che cosa si tratta, e cosa è necessario fare per poter fare una richiesta che venga presa in considerazione dagli istituti di credito, evitando inutili perdite di tempo.

Piccoli prestiti e microcredito: la differenza

Parlare di piccoli prestiti non equivale assolutamente a parlare di microprestiti. Infatti il microcredito è una fonte alla quale poter attingere per la soddisfazione di esigenze primarie. I piccoli prestiti invece possono essere utilizzati per la soddisfazione anche di esigenze secondarie o voluttuarie, sulla base della libera discrezionalità di chi li richiede.

Secondo quanto confermato anche da ipiccoliprestiti.com, sito specializzato in piccoli prestiti personali, questi vengono erogati, solitamente, per liquidità. Ossia non è necessario, da parte del richiedente, specificare in che modo verrà utilizzato il credito erogato.

 

Tipologie i piccoli prestiti

Tipologia più frequente di piccolo prestito è l’utilizzazione di carte revolving. Carte che danno la possibilità di pagare le spese, che il soggetto richiedente deve sostenere, in piccole rate mensili. Si tratta di prestiti assolutamente pratici e che è facile ottenere senza bisogno di fornire garanzie particolari. Per contro presentano degli oneri di gestione e degli interessi particolarmente elevati rispetto ad altre tipologie di prestiti. Un’altra tipologia e la cessione del quinto dello stipendio. Praticamente, in questo caso, il lavoratore dipendente che fa richiesta di questa tipologia di piccolo prestito si vedrà trattenere – a cura del proprio datore – una quota del proprio stipendio non superiore al 20% dell’intero ammontare. Non è utilizzabile soltanto da parte dei lavoratori subordinati ma può essere richiesta anche da parte di pensionati. In quel caso il soggetto tenuto alla trattenuta sarà l’INPS o il diverso ente previdenziale erogatore della prestazione pensionistica.

Un’ulteriore tipologia di piccolo prestito è il prestito cambializzato. Utile per coloro che appartengono alla categoria dei cosiddetti cattivi pagatori. In caso di mancato rimborso delle rate si procederà con un pignoramento dei beni del debitore inadempiente, che agiscono pertanto come garanzia per il credito. Per chi non ne fosse a conoscenza, per cattivo pagatore s’intende qualcuno che è stato sottoposto ad un protesto o chi ha difficoltà a pagare le rate del mutuo.

Come ottenere piccoli finanziamenti fino a 5 mila euro

Per ottenere queste forme di piccoli prestiti potrete rivolgervi a delle finanziarie recandovi direttamente presso di loro. O più semplicemente potrete fare delle ricerche online per avere una visione più ampia della panoramica. Sarà necessario avere con voi un documento d’identità in corso di validità, il codice fiscale e tutti i documenti utili a dimostrare la vostra capacità di rimborsare questo eventuale prestito. Potrebbe essere utile, ad esempio, presentare una busta paga, il CUD o il cedolino della pensione. L’importo che può essere richiesto attraverso questi piccoli prestiti varia a seconda della tipologia di strumento utilizzato. Se ad esempio si richiede prestito attraverso l’uso di carta revolving la cifra massima potrà essere di circa 5.000 euro. Per quanto riguarda una realtà finanziaria consolidata alla quale potreste rivolgervi per questa vostra esigenza possiamo citare tra le altre Findomestic.

CONDIVIDI