Mutuo arancio: caratteristiche, tassi ed ultime novità

Print Friendly, PDF & Email

Il mutuo arancio è uno dei prodotti più famosi sul mercato del credito. La Ing Direct, il famoso gruppo bancario internazionale, ha creato intorno a questo prodotto un vero e proprio “brand” in grado di catturare l’attenzione delle persone. A distanza di tanti anni ancora oggi il mutuo arancio, può essere considerato uno dei prodotti di riferimento per chiunque abbia la necessità di accedere al credito per acquistare, ristrutturare o arredare una casa.

Non a caso sono tanti i siti specializzati del settore che hanno recensito questo prodotto. Tra i tanti segnaliamo la recensione di mutuo arancio di finanzamia.com in cui lo staff ha provato a metterne a confronto pregi e difetti. In questo articolo proveremo a riassumere brevemente le peculiarità di mutuo arancio partendo, proprio, da alcune delle recensioni più autorevoli trovate online.

COME FUNZIONANO I MUTUI – Iniziamo col dire, per coloro che magari non lo sanno, che un mutuo è un contratto che si stipula tra due parti: da un lato il mutuante, ovvero colui che consegna una determinata somma di denaro (o una precisa quantità di beni) in credito o prestito; dall’altro il mutuatario, ovvero colui che si obbliga a restituire la cifra di cui sopra entro una determinata scadenza. Il mutuo bancario viene spesso utilizzato per supplire a spese particolarmente impegnative da parte di privati e/o aziende: dall’acquisto di beni immobili alla ristrutturazione di edifici, passando per investimenti aziendali, operazioni di ricerca e sviluppo, fusioni/ampliamenti ecc. Nell’articolo di oggi ci occuperemo di un particolare tipo di mutuo, ovvero del Mutuo Arancio: caratteristiche, tassi ed ultime novità del contratto online pensato da ING Direct per trasformare un progetto in una realtà.

QUANTO COSTA MUTUO ARANCIO –  La principale forza di Mutuo Arancio sta nell’assenza sia di incasso delle rate che di invio di comunicazioni al cliente. A ciò si aggiunga che, in caso di acquisto di una casa, questo particolare contratto non richiede l’assicurazione dell’immobile. Di conseguenza i costi di Mutuo Arancio in chiaro sono semplicemente: 500 euro di istruttoria della pratica, 250 euro di perizia e 500 euro di spese iniziali, che però sono legate solo a mutui a tasso fisso rinegoziabile. Inoltre, addebitando le rate di Mutuo arancio su Conto Corrente Arancio si può beneficiare di ulteriori vantaggi a partire dalla terza mensilità: si può ad esempio ottenere una riduzione sullo spread di 0,30% in caso di scelta di mutuo a tasso variabile; oppure si può ottenere uno sconto di 30 euro sugli interessi dovuti fino alla 120esima rata in caso di mutuo a tasso fisso o a tasso rinegoziabile. Chiudiamo questo argomento dicendo infine che, tramite il sito www.ing.it, è possibile calcolare i costi di una richiesta di mutuo al dettaglio: basta inserire i propri dati per prendere visione di tutti gli aspetti del “vostro” piano di ammortamento, tra cui durata, spese iniziali, tasso di interesse, TAEG ecc.

A QUANTO AMMONTA IL TASSO DI INTERESSE – A questo punto molti di voi vorranno comunque sapere a quanto ammontino i tassi di interesse di cui stiamo parlando. Dunque è bene chiarire subito che, trattandosi di dati variabili a seguito di tantissimi fattori, è molto difficile dare una risposta valida per tutti. Detto ciò, per rendere l’idea, possiamo dire che in caso di tasso fisso si hanno un TAN ed un TAEG che generalmente si aggirano attorno al 2 o 2,5%.

ALCUNE INTERESSANTI NOVITÀ – Uno degli aspetti più competitivi di Mutuo Arancio di ING Direct è la possibilità di vedere finanziato addirittura l’80% del valore totale dell’immobile che intendiamo acquistare. A ciò si aggiunga, e questa è una novità, che tale formula può venire richiesta anche se non siamo ancora decisi in merito all’immobile in questione. L’ultima formula vi permette infatti di rinegoziare la tipologia di mutuo durante tutta la prima fase: potrete quindi iniziare a pagare una rata fissa, per poi modificarla in variabile a seconda dell’andamento del mercato.

CONDIVIDI