spadu top
martedì 16 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 04:09
spadu top
martedì 16 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 04:09
Cerca

Spiagge, Cna Picena: “Attualmente in concessione solo il 33% delle coste italiane. Scongiurare il rischio aste sfruttando il litorale a disposizione”

"La significativa disponibilità di aree costiere emersa in seguito alla mappatura dei litorali italiani conferma come non sia necessario rimettere in discussione le concessioni in essere"

Pubblicato da 

Redazione
 venerdì 17 Novembre 2023

ASCOLI PICENO. Il tavolo tecnico per la mappatura delle spiagge italiane istituito dal Governo per fare chiarezza sul tema Bolkestein ha di fatto confermato la posizione espressa dalla CNA di Ascoli Piceno da oltre un anno a questa parte, evidenziando come la risorsa spiaggia, a conti fatti, non sia poi così scarsa.

Sulla base dei dati emersi dalla mappatura condotta con un grande lavoro di squadra sul piano interministeriale e interassociativo, le aree ad oggi occupate dalle concessioni demaniali risultano infatti corrispondere al 33% del totale, con il 67% delle coste italiane dunque attualmente libero. Percentuali che confermano l’ampia disponibilità della risorsa costiera e, dal punto di vista dell’associazione, la conseguente inapplicabilità della Direttiva europea dei servizi per le imprese già in attività.

Sulla scia di quanto ribadito a livello nazionale da CNA Balneari, per la CNA di Ascoli Piceno è opportuno concedere spazio a nuove opportunità imprenditoriali sulle aree disponibili, consentendo alle circa 30.000 aziende attive nel settore di continuare a esprimere la propria professionalità senza dover temere il rischio aste previsto dalla Bolkestein.

«La significativa disponibilità di aree costiere emersa in seguito alla mappatura dei litorali italiani conferma come non sia necessario rimettere in discussione le concessioni in essere per favorire l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali – sottolineano Giulio Piergallini e Irene Cicchiello, presidente e responsabile CNA Nautica Ascoli Piceno – Il modello esistente, costituito da piccole e medie imprese fortemente legate al territorio, rappresenta un modello virtuoso in chiave turistica ed economica, che le istituzioni hanno il dovere di tutelare per garantire continuità e serenità a un indotto di vitale importanza per le sorti imprenditoriali del Piceno e delle coste italiane. 

La presenza di soggetti esterni intenzionati a investire sul nostro territorio resta indubbiamente una buona notizia. In questo senso, il litorale attualmente a disposizione offre diverse soluzioni per la definizione di nuove concessioni, che ad ogni modo non dovranno minacciare la stabilità imprenditoriale delle migliaia di imprese, spesso a conduzioni familiare, che da anni offrono un servizio turistico di qualità».

«Come associazione auspichiamo che, anziché rischiare di penalizzare i nostri operatori balneari, le prossime scelte delle istituzioni vadano verso una valorizzazione delle eccellenze turistiche locali e di un ulteriore miglioramento del servizio offerto a residenti e visitatori in vista della prossima stagione – affermano Arianna Trillini e Francesco Balloni, presidente e direttore della CNA di Ascoli Piceno – L’obiettivo è consolidare un trend che, da diversi anni a questa parte, vede il turismo piceno e marchigiano in continua crescita, come dimostrato dal +7,93% di arrivi e dal +5,60% di presenze di stranieri registrato nelle Marche da gennaio ad agosto».

© LA NUOVA RIVIERA|RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime notizie

garofano
kokeshi
new edil
coal
jako
fiora
soriano 250

TI CONSIGLIAMO NOI…