Tirreno-Adriatico nell’ombra a causa del Tour de France. Il Comune chiederà lo sconto

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un investimento di 76 mila euro che potrebbe essere scontato. Questo è almeno l’auspicio dell’amministrazione comunale nell’ambito del contributo elargito per lo svolgimento della 55esima edizione della Tirreno-Adriatico, che da oltre mezzo secolo vede il suo epilogo a San Benedetto.

Inizialmente prevista a marzo, la manifestazione è stata rinviata a causa del coronavirus a settembre, con l’arrivo in riviera fissato per il 14 settembre. L’evento tuttavia andrà a sovrapporsi col Tour de France, in programma dal 29 agosto al 20 settembre.

Se sul fronte sportivo la contemporaneità costringerà i ciclisti a scartare una delle due opzioni, non è migliore la situazione per la televisione. La Rai, infatti, sarà chiamata a gestire un accavallamento fastidioso e complicato.

Trasmessa su Raitre fino al 2018, la Tirreno-Adriatico era passata su Raidue l’anno scorso. Identico discorso per il Tour, promosso anch’esso su Raidue dall’allora direttore Carlo Freccero. Anche se si optasse per un gioco di squadra tra Raidue e Rai Sport, nulla potrà evitare la complessa convivenza, con il bacino di appassionati alle due ruote che si frantumerà. Un discorso che varrà, probabilmente, pure per Eurosport.

“Stiamo aspettando comunicazioni ufficiali, poi sicuramente chiederemo una decurtazione della spesa”, conferma l’assessore allo sport, Pierluigi Tassotti. Nel 2019 l’importo ammontò a 61 mila euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA