Tirreno-Adriatico, ipotesi recupero 14-20 ottobre

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ora c’è anche l’ufficialità: salta la Tirreno-Adriatico. La manifestazione, in partenza l’11 marzo, si sarebbe dovuta concludere come da tradizione a San Benedetto martedì 17.

Il decreto governativo per il contenimento del coronavirus non ha lasciato margini di manovra, senza dimenticare la lunga lista di team che nelle ultime ore avevano comunicato il ritiro dalla competizione.

Tra loro c’era pure Peter Sagan che ha optato per la Parigi-Nizza, in programma dall’8 al 15 marzo.

La paura del contagio resta la principale motivazione delle rinunce, a cui si aggiunge un altro aspetto non di poco conto: il rischio di complicare il lavoro delle strutture sanitarie. In caso di incidenti e cadute a risentirne sarebbero infatti gli ospedali, già sovraccaricati.

L’occhio va pertanto al calendario e alle date per il possibile recupero. L’ipotesi più plausibile per lo svolgimento della Tirreno-Adriatico riguarda il periodo successivo all’estate. “Attraverso la FCI, verrà fatta richiesta all’UCI di ricollocarla in altra data del calendario ciclistico internazionale”, fanno sapere gli organizzatori.

In tal senso, si starebbe facendo strada l’intenzione di prendere in considerazione la settimana compresa tra il 14 e il 20 ottobre, con la Milano-Sanremo fissata eventualmente per il 24.


© RIPRODUZIONE RISERVATA