Smog, sensori per rilevare le polveri sottili. Il progetto di smart city manderà in soffitta la centralina di via Asiago

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dati sul livello di smog e sull’inquinamento acustico, oltre alla rilevazione della temperatura climatica e dell’umidità. Tutto ciò sarà possibile nei prossimi mesi grazie al progetto di Smart City User che consentirà di piazzare su tutto il territorio cittadino undici sensori.

Per quel che riguarda la qualità dell’aria, si analizzerà il grado di pm10 e pm2,5 e, di fatto, si supererà il servizio parziale offerto dalla centralina di via Asiago, non gestita direttamente dal Comune.

Non solo: si monitorerà la temperatura climatica, si terrà d’occhio il grado di umidità e si potrà godere di una stazione meteo completa che leggerà vento e pioggia.

In tal senso, il servizio sarà utile a posteriori per stabilire le condizioni meteorologiche di un determinato giorno in caso di richieste di risarcimento.

Sul fronte della viabilità, venti sensori installati a nord, centro e sud di San Benedetto si concentrerà sul traffico veicolare. Si potrà così sapere quante auto in un giorno percorreranno un determinato tratto di strada.