San Benedetto, Caritas chiusa per il coronavirus: “Arrivano telefonate molto tristi. C’è chi non ha cibo per i propri figli”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Riceviamo telefonate molto tristi. Da persone che non riescono a provvedere alle spese per i propri figli”. A parlare all’Ancora (CLICCA QUI), il giornale diocesano, è don Gianni Croci, responsabile della Caritas di San Benedetto che, da settimane, è chiusa in seguito alle disposizioni del Governo per l’emergenza sanitaria legata al coronavirus.

“Abbiamo attivato un numero per le emergenze (376.0011851) – spiega nell’intervista rilasciata al giornale diocesano – ed è davvero molto triste rispondere a queste telefonate e sentire gente che non ha cibo e non sa come provvedere alle spese per i propri bimbi. E’ anche vero che ci chiamano persone generose che ci chiamano per sapere come poter fare delle donazioni. Ogni giorno vengono distribuiti numerosi pasti da asporto. Siamo arrivati a distribuirne fino a settanta in un giorno”.
CLICCA QUI PER VEDERE L’INTERVISTA COMPLETA


© RIPRODUZIONE RISERVATA