Samb, Fedeli ai tifosi: “Al lavoro tra mille difficoltà, ma se venderò lo farò a persone serie”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo lo striscione di contestazione di ieri il presidente della Sambenedettese ha scritto una lettera ai tifosi. Ecco il testo integrale:

“Cari tifosi, ho letto con molta attenzione il vostro comunicato (e lo striscione di ieri) ed eccomi qua a rispondervi. Come bene sapete, è mia intenzione concludere questa avventura a San Benedetto del Tronto. Anni fatti di momenti belli e di altri meno, come è normale che sia nel mondo del calcio. Il mio lavoro, fonte di sostentamento anche per la Samb, mi tiene lontano da San Benedetto e questo per me è diventato un problema insormontabile. Con la mia presenza in città, su questo potete starne certi, tutto sarebbe girato in modo diverso. La volontà di cedere la società non dipende quindi da motivi economici, ecco perchè, come ho sempre sostenuto, non lascerò mai la società in balia di avventurieri e mascalzoni: ne avete passate tante e non meritate di rivivere determinate situazioni. E’ mio dovere garantirvi questo: chi verrà, oltre a dover dimostrare solidità economica, dovrà anche avere determinate qualità morali. Ecco perchè molte trattative non sono mai decollate. Se voi avete soluzioni che possano rispettare tutto ciò, sono pronto a valutarle con la massima serenità. Qui ci sono tanti problemi strutturali che rendono difficile poi qualsiasi tipo di programmazione: per far allenare le nostre squadre (dai ragazzini alla prima squadra) dobbiamo pagare e per fortuna, aggiungo, ci sono altre società che hanno in gestione impianti sportivi che ci accolgono. Ognuno di voi sarà libero di ricordarmi come meglio crede, ma non penso di aver abusato della pazienza di nessuno: credo di essermi comportato sempre con la massima serietà e le mie esternazioni, spesso vulcaniche, sono state sempre dettate dalla passione per questi colori di cui mi sono innamorato 5 anni fa e chi mi conosce sa che sono fatto così e che il giorno dopo sono subito pronto a ripartire con il massimo entusiasmo. Detto questo, posso solo aggiungere che, per non destabilizzare l’ambiente, di cessione societaria se ne riparlerà solo al momento opportuno e vi posso garantire che, con il vostro aiuto o meno, la società passerà in mani più che sicure. Adesso dobbiamo solo pensare a concludere al meglio la stagione e uscire da questo momento di difficoltà tutti insieme”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA