Parcheggi a pagamento sul lungomare, in tredici anni incassati sette milioni di euro

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In tredici anni le zone blu sul lungomare e zone limitrofe hanno garantito un incasso vicino ai 7 milioni di euro.

La scorsa estate gli introiti ammontarono a 795 mila euro, circa 100 mila in più rispetto al 2018 (+14%), quando però erano in vigore altre tariffe, complessivamente inferiori del 25%.

La suddivisione dei guadagni prevede un 52% a vantaggio dell’ente e il 48 destinato alla Multiservizi.

I parcheggi a pagamento sul litorale vennero introdotti nel 2007. Si partì con un incasso di circa 170 mila euro, per proseguire con i 297 mila del 2008, i 278 mila del 2009, i 284.600 del 2010 e 305.100 del 2011.

Nel 2012 avvenne il primo incremento delle tariffe e gli incassi volarono a 595 mila euro. Si proseguì con i 685.200 euro del 2013, i 670.500 del 2014, i 701.600 del 2015, i 632.000 del 2016, i 686.500 del 2017 e i 696.700 del 2018.

Impossibile ad oggi immaginare un ritorno ai parcheggi gratuiti, per stessa ammissione del sindaco Piunti che, al contrario, ai tempi dell’opposizione contestò aspramente l’iniziativa di Giovanni Gaspari.

“I soldi saranno certamente investiti nel settore turistico” ha assicurato più volte il primo cittadino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI