Maggioni e Comune tra multe, riunioni e comunicati privi di senso. Ma chi ci sta prendendo in giro?

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ stato nella tarda serata di oggi che le redazioni che hanno trattato il caso della multa al Circolo Tennis Maggioni hanno ricevuto un comunicato proveniente dalla società presieduta da Afro Zoboletti che, oggi, ha avuto un incontro con il sindaco Pasqualino Piunti. Un incontro “chiarificatore” si legge nella nota stampa pubblicata intorno all’ora di cena.

Si tratta però di un comunicato che non dice assolutamente nulla così come non era ben chiaro a cosa sarebbe servito quell’incontro tra il presidente del circolo e il sindaco Pasqualino Piunti dal momento che, a quanto ci risulta, i vigili urbani non avrebbero fatto altro che applicare un preciso articolo del regolamento comunale a fronte, tra le altre cose, di un esposto firmato. Non effettuare quel controllo, per gli agenti della polizia locale, sarebbe significato commettere un’omissione di atto di ufficio.

Ma, naturalmente, ci sta che la multa ad una vera e propria istituzione come il circolo tennis Maggioni per un motivo del genere, faccia notizia nel nostro territorio. Quelle che non dovrebbero starci sono invece le vuote parole di quel comunicato, un omaggio alla supercazzola che sembra la ciliegina sulla torta di una vicenda partita con il non trascurabile dettaglio, fornito nelle ore successive alla multa, che all’arrivo dei vigili urbani sul campo di allenamento c’era un campione di tennis che invece, e lo si è saputo diverse ore dopo, era assente perché l’allenamento lo aveva finito da un pezzo.

Un vuoto giro di parole, dicevamo, all’interno del quale c’è una frase che più di tutte colpisce: “Il sindaco – si legge nella nota – ha tenuto a precisare che l’attività sportiva svolta all’interno della storica struttura può continuare nella sua regolarità quotidiana come da 70 anni a questa parte”. Dunque il timore del circolo era che Piunti, montata sul petto la stella da sceriffo, avrebbe vietato il tennis così come la vendita da asporto degli alcolici? Beh, considerato che a San Benedetto si brinda nei locali chiusi dalla Questura potevano dormire sonni tranquilli anche senza fare questa riunione.

Il comunicato stampa giunto dal Maggioni si conclude così: “L’ intero consiglio direttivo coglie l’ occasione per ringraziare il primo cittadino per l’ attenzione mostrata e la rapidità nel trovare una positiva soluzione“. Quale soluzione e a cosa, però, non è dato saperlo. Se esistono problemi e controversie tra l’amministrazione comunale e il Circolo Tennis forse andrebbero risolte senza mettere di mezzo multe, vigili urbani e giornali. Soprattutto se l’uso di multe, vigili urbani e giornali viene fatto a piacimento dell’una o dell’altra parte. Perché su tutta questa storia l’impressione è che ci sia qualcuno che ci sta prendendo tutti in giro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA