“Mimmo a San Benedetto è la cultura”. Genius Loci premia Minuto, è il sambenedettese dell’anno

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Perché Mimmo a San Benedetto è la cultura”. Sono queste le motivazioni che hanno portato i vertici dell’associazione Genius Loci a premiare il libraio e giornalista Mimmo Minuto come personaggio dell’anno. Ieri sera, all’hotel Villa Corallo, si è tenuta la cena di gala nel corso della quale è arrivato il riconoscimento consegnato a Minuto dalla presidente dell’associazione Marina Brancaccio e dal presidente onorario Marco Calvaresi.

Mimmo Minuto tra i presidenti Brancaccio e Calvaresi e gli attori della Ribalta Picena

Una serata accompagnata dalle vicende sambenedettesi messe in scena, con l’ormai nota ma sempre sorprendente professionalità e bravura, dagli attori della Ribalta Picena che si sono visti conferire la carica di soci onorari. Si tratta di Giuseppe Ricci, Vittoria Giuliani, Adriano Aubert e Giancarlo Brandimarte.

Ma il momento clou della serata è stato quello in cui, a sorpresa, la presidente Brancaccio e il presidente onorario Calvaresi hanno chiamato al centro del salone Mimmo Minuto mostrando un video in cui sono state ripercorse, sulle note di “My Way” con la voce di Frank Sinatra, le migliaia di iniziative culturali organizzate negli anni dal libraio che è riuscito a portare in Riviera i più importanti autori del panorama nazionale ma anche internazionale. «Mimmo Minuto – ha spiegato Calvaresi – a San Benedetto è la cultura» ricalcando la frase presente sulla targa consegnata nelle mani del libraio sambenedettese premiato di fronte alla sua famiglia presente al gran completo.

Minuto premiato da Brancaccio e Calvaresi

Minuto, visibilmente emozionato, ha ringraziato l’associazione e tutti i presenti soffermandosi in particolar modo sulla passione che, in tutti questi anni di attività, lo ha spinto a perseverare nell’organizzazione delle iniziative con libri e autori. Ha ricordato gli anni trascorsi al seguito della Sambenedettese ricordando alcuni aneddoti con il suo collega Pasquale Bergamaschi: «Mi diceva scherzando che, essendo siciliano, avrei dovuto presentare il passaporto – ha ricordato Minuto -. Ma io sono più sambenedettese di tanti sambenedettesi di nascita». Ha quindi esaltato la figura di Calvaresi ricordando le idee e le iniziative messe in campo dall’operatore turistico già dai tempi della sua presidenza del Consorzio: «E’ uno che ha sempre guarda avanti – ha spiegato – a volte anche troppo per questo territorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA