Inaugurato al Liceo Classico l’anno biomedico

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Presso l’aula Magna del Liceo Classico G. Leopardi di San Benedetto del Tronto, si è svolta la cerimonia di inaugurazione del percorso di “Biologia con curvatura biomedica” che vede impegnati gli studenti del triennio liceale in attività formative, sia teoriche che pratiche, negli ambiti disciplinari che hanno maggiore attinenza con gli studi medici.
Alla cerimonia erano presenti, oltre al Dirigente scolastico, prof. Maurilio Piergallini, il Sindaco Pasqualino Piunti e la Presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Ascoli Piceno, dott.ssa Fiorella De Angelis, insieme ai docenti e ai medici coinvolti in questo iter formativo.

Nel suo saluto introduttivo, il Sindaco si è detto convinto che questa nuova iniziativa del Liceo Classico arricchisca ulteriormente l’offerta della Scuola fornendo una formazione completa che è già un fiore all’occhiello del nostro territorio.
La dott.ssa Fiorella De Angelis ha evidenziato come l’Ordine dei Medici di Ascoli Piceno abbia aderito a questo nuovo percorso biomedico dopo aver riscontrato, negli incontri organizzati lo scorso anno dalla Scuola, l’interesse e «l’entusiasmo contagioso degli studenti». Nel ringraziare i medici che hanno accettato di svolgere ore di insegnamento nelle aule a titolo completamente gratuito, la dott.ssa De Angelis ha ricordato che fare il medico è una scelta di vita e che abbiamo bisogno di medici preparati che facciano della loro professione una autentica missione.

Il Preside Piergallini ha sottolineato che i Licei Classici di San Benedetto del Tronto e Montalto Marche sono stati selezionati dal Miur insieme ad altri 68 Licei in Italia e unici nella Provincia di Ascoli Piceno. Gli studenti del Triennio, oltre al normale curriculum del Liceo Classico, seguiranno annualmente 50 ore di formazione biomedica, di cui 20 con i docenti di Scienze dell’Istituto, 20 con personale medico individuato dall’Ordine dei Medici e 10 ore presso Laboratori medici esterni alla Scuola. L’indirizzo biomedico, ha ricordato sempre Piergallini, non è solo un percorso di potenziamento delle materie scientifiche, ma anche una proficua modalità di orientamento attraverso cui il giovane può capire se ha le attitudini e le motivazioni giuste per affrontare gli studi medici.
Già dal presente anno scolastico si sono formati tre gruppi di studenti, due da 25 elementi a San Benedetto del Tronto e un gruppo da 8 elementi a Montalto Marche.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI