domenica 28 Novembre 2021 – Aggiornato alle 10:27

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

salone bio 2
Lo Sfogo

Il film di Sorrentino andrà solo nelle multisale. Cinema Margherita e Concordia devono annullare la proiezione: “Tristi e delusi”

La decisione presa per non penalizzare la trasmissione su Netflix prevista per il 15 dicembre
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
centrotermica 250
CUPRA MARITTIMA
salone bio 2
“Inutile dirvi la delusione e la tristezza di questa decisione che ci ha colto di sorpresa. Prepariamo il film da più di due settimane ed improvvisamente l’aspettativa deve essere tradita. Questo comporterà sicuramente una perdita economica dovendo riprogrammare in fretta e furia le prossime settimane con film belli certo, ma che non abbiamo avuto il tempo di promuovere, far apprezzare al pubblico e comunque meno conosciuti”.  E’ lo sfogo dello staff del cinema Margherita di Cupra Marittima che, insieme al teatro Concordia si è visto escludere dalle sale che proietteranno “E’ stata la mano di Dio”, il film di Paolo Sorrentino candidato all’Oscar. Una pellicola in programma nei due cinema fino a poche ore fa. Poi è arrivata la decisione della produzione di limitare il numero di copie per non penalizzare Netflix, che lo metterà in streaming il prossimo 15 dicembre.
“Siamo stati avvisati solo venerdì di questa decisione – affermano dallo staff del cinema cuprense – (speravamo ci ripensassero) presa da Netflix con l’agenzia di distribuzione Lucky Red. Una posizione che hanno subito 150 sale italiane che si sono viste escluse a 4 giorni dall’uscita in sala, del film più atteso del periodo: candidato all’Oscar per l’Italia oltre che premiato al Mostra del cinema di Venezia, un festival tra l’altro, organizzato con un grosso stanziamento pubblico per la promozione e sostegno del cinema in sala. Si è scelto di ‘proteggere’ il film dalle troppe richieste per vederlo nella sala cinematografica a favore dello streaming sfruttando cinicamente, il nostro tempo e le energie dedicate alla promozione ad esclusivo beneficio della suddetta piattaforma, senza nemmeno doverci pagare, semplicemente cambiando idea. Non amiamo sentirci vittime, non fa parte della nostra natura, ma stavolta la scorrettezza è pesante.
Sono uscite delle fastidiose repliche dalla distribuzione dicendo che avevamo capito male che le finestre di sfruttamento nelle sale cinematografiche di prodotti N.(non vogliamo citarla troppo) sono sempre state a numero limitato, che ognuno del proprio prodotto può farne ciò che vuole… Le cose non stanno così, ci sono e-mail, ci hanno anche chiesto di non fare eventi nei giorni del 29 e 30, abbiamo chiesto autorizzazione per poter fare cartoni in doppia programmazione e molto altro…quindi doversi trovare da un giorno all’altro con uno scenario completamente diverso è davvero poco rispettoso per il nostro lavoro di esercenti ma non solo”.
infinito 250

Ultime notizie

euro 3 250

TI CONSIGLIAMO NOI…