Grandi e bambini alla scoperta del museo ittico. Tutti in sala d’aste alla scoperta del mare

Print Friendly, PDF & Email


SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel suggestivo scenario della “sala aste” del Mercato Ittico all’Ingrosso è stata presentata ieri sera l’iniziativa Aspettando il Museo Ittico: Una serata fra squali, meduse e pesci palla. Tanti i turisti e i sambenedettesi intervenuti che hanno avuto modo di conoscere le meravigliose creature sottomarine. Sono state illustrate storie di sopravvivenza e di predazione, di adattamento alle più particolari condizioni ambientali ma anche il problema  dell’inquinamento, soprattutto la plastica che provoca la morte di tartarughe, delfini ed altre specie ittiche.

Il prof. Alessandro Blasetti, responsabile del polo museale “Museo delle scienze” dell’Università di Camerino, con la collaborazione della prof.ssa Luisa Magnoni e del dott. Marco Montecchiari, ha interagito per più di un’ora con tutti i bambini presenti che, entusiasti, hanno sentito parlare anche di pettine di venere e di altre conchiglie, di coralli, di rettili, di fossili. Hanno compreso che tutti gli esemplari ittici hanno un doppio nome: quello scientifico in latino e quello di uso comune. L’incontro si inserisce nell’ambito delle iniziative previste lungo il percorso che porterà all’inaugurazione del nuovo allestimento del Museo Ittico.
La sezione più antica del “Museo del mare”, risalente al 1956  è, infatti, momentaneamente chiusa, ma il suo riallestimento procede a pieno ritmo: il prossimo autunno il Museo Ittico tornerà alla Città.


CONDIVIDI