Eventi estivi, il Comune si mette al lavoro. Cestinata l’ipotesi drive-in, sì al cinema all’aperto

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ora che dal governo sono arrivate le direttive sullo svolgimento degli eventi, a San Benedetto si può finalmente cominciare a buttare giù il calendario delle manifestazioni estive.

Niente concerti di grido, anche perché i grandi show sono stati tutti posticipati al 2021, potendo le aree all’aperto ospitare al massimo mille persone, distanziate di almeno un metro. Si prediligeranno pertanto i piccoli spettacoli, magari itineranti, che possano garantire una partecipazione ordinata senza assembramenti.

L’amministrazione comunale in settimana valuterà le proposte e, probabilmente, spedirà definitivamente in soffitta l’ipotesi del drive in. Le disposizioni di Palazzo Chigi, infatti, riportano in pista la possibilità di riproporre il cinema all’aperto, con postazioni alternate.

Da valutare anche il destino del Concordia. Il teatro nei mesi caldi dell’anno è sempre rimasto chiuso, ma qualora dovessero esserci i presupposti di un recupero della stagione teatrale, bruscamente interrotta a inizio marzo, si potrebbe valutare un ripensamento.

Alla Palazzina Azzurra si recupereranno le mostre saltate, mentre nel giardino esterno si svolgeranno i tradizionali incontri con l’autore con accessi limitati a 80-100 persone.

Per l’alba di ferragosto il desiderio sarebbe quello di confermare il suggestivo concerto in riva al mare ad opera dell’Istituto Vivaldi. Qualora andasse in porto, si procederebbe di sicuro con la disposizione di sedie sulla spiaggia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA