Coronavirus, San Benedetto avvisa il Governo: “Avremo minori entrate, servono contributi nazionali”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il sindaco Piunti ha chiesto alla Conferenza di Direzione di avviare una rilevazione per stimare la perdita di gettito conseguente all’emergenza coronavirus.

L’intento è quello di conoscere al più presto su quanti e quali risorse finanziarie poter contare al fine di programmare le attività dei settori comunali orientandole non solo e non tanto alla sana gestione, ma facendo soprattutto in modo che questa gestione venga indirizzata ad una “economia di risanamento sociale” che nelle settimane e nei mesi a venire rappresenterà la vera sfida per le amministrazioni locali.

“Certo, è una sfida che i Comuni non possono combattere e tanto meno vincere da soli, e per questo i dati e le informazioni raccolte tramite il lavoro della Conferenza di Direzione dovranno – afferma il Sindaco Piunti – confluire in un documento di sintesi che, grazie ad Anci Marche, raccoglierà anche le istanze di altri enti locali della regione per essere presto trasmesso al Governo. La continuità e il rafforzamento dei servizi comunali – e tra essi i servizi sociali, che si collocano proprio a valle del sistema sanitario – inquadrati nell’economia di risanamento, non potranno fare a meno di fondi nazionali straordinari se vorremo davvero contribuire ad alleviare le sofferenze di tante famiglie. I Comuni non possono più contare sul gettito consolidato: ci saranno minori entrate sia a causa della mancata o ridotta fruizione dei servizi, sia a causa del venir meno del presupposto impositivo (si pensi alla tassa di soggiorno), sia per la minore capacità di famiglie e imprese di pagare i tributi locali. Noi ce la metteremo tutta per programmare e avviare la ripresa socio-economica del territorio, ma la risposta del Governo nazionale resta determinante e farà la differenza”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA