Code e caos sulla A14, Castelli: “Intollerabile. Chi controlla sui lavori? Il pedaggio autostradale va sospeso”

Print Friendly, PDF & Email

ASCOLI PICENO – “Intollerabile”. L’ex sindaco di Ascoli Guido Castelli si scaglia contro i disagi che tormentano da mesi l’autostrada A 14.

“Sono mesi che il collegamento autostradale tra nord e sud delle Marche è devastato da code, interruzioni e intasamenti”, afferma. “Non si tratta di un semplice inconveniente ma di un fattore che sta disastrando la vita e l’economia di un territorio . Per non dire della sicurezza di chi viaggia e lavora in queste condizioni oscene. Ci dicono che un provvedimento della Procura di Avellino ha recentemente determinato una parte di questi disagi. In realtà la situazione si protrae da tantissimo tempo e da ben prima che la Magistratura ci mettesse del suo”.

Castelli si pone quindi delle domande e si scaglia contro Ceriscioli: “Perché i cantieri sono così lunghi e interminabili? Perché le imprese non lavorano anche di notte? Chi controlla e vigila su Anas e Società autostrade? La Regione latita, come sempre e si volta dall’altra parte. In un Paese normale il pedaggio autostradale dovrebbe essere sospeso in tratti di autostrada resi così palesemente impraticabili. In un Paese normale, appunto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI