Centinaia di piante in regalo ai cittadini di Montefiore e ai donatori di sangue. Il Garden La Fiorita risponde così al coronavirus

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Coloriamo i nostri balconi” centinaia di piante in omaggio agli abitanti di Montefiore dell’Aso e ai donatori Avis di San Benedetto del Tronto e Monteprandone da parte del Garden La Fiorita. Un gesto molto significativo che è stato subito apprezzato dai tanti cittadini “reclusi” ormai da diverse settimane nelle proprie abitazioni. Il sindaco Lucio Porrà che si è subito attivato per le consegne a domicilio, ha ringraziato tramite la pagina Facebook del Comune la ditta leader in Italia per la floricoltura, con sede in via Torino lungo la Salaria, che dà occupazione a 40 dipendenti, attualmente in cassa integrazione.

In distribuzione centinaia di Nemesie, pianta vigorosa e profumata che fiorisce da marzo fino ad autunno inoltrato.“Il nostro è un comparto duramente colpito- spiega Guido Barra, titolare del Garden La Fiorita- se si considera che l’80% del nostro fatturato si concentra da marzo a metà maggio. Con il decreto#IoRestoaCasa tutto bloccato con gravissimi danni per le aziende del settore perché i nostri prodotti sono deperibili e non riutilizzabili quando finirà l’emergenza Coronavirus. Ho calcolato, solo per la mia azienda, una perdita economica di un milione e mezzo di euro”. Ma le piante non sono tuttora in vendita nei supermercati? “ Certo- continua l’imprenditore Barra- ma buona parte resta invenduta. Con questa crisi le spese delle famiglie sono mirate, concentrate sui beni di prima necessità e le piante restano sugli scaffali. L’attività del nostro garden si è ridotta drasticamente, solo irrigazione e trattamenti antiparassitari perché anche le piante si ammalano”.

Chiuso il Centro per il giardinaggio di via Torino, si effettuano solo consegne a domicilio. Duecentomila gerani, di tutte le specie e colori, sono fermi nel Garden, in attesa di tempi migliori. In questo momento di immobilità forzata e di crisi economica dai risvolti pesantissimi, il titolare de La Fiorita pensa alla collettività con un gesto che quasi commuove. “Ho regalato piante al Comune di Montefiore – prosegue Barra- perché lì sorge la nostra azienda sulla lavanda per la produzione di oli essenziali e cosmetici e sono in contatto con l’assessore Tassotti del Comune di San Benedetto perché intendo fare la donazione piante anche ai donatori di sangue del territorio”. Infine parole di ringraziamento all’assessore regionale all’Agricoltura , Anna Casini per il suo interessamento. “Ha presentato degli emendamenti al Ministero dell’Agricoltura per degli aiuti al settore del vivaismo e floricoltura. Mi chiama spesso al telefono, così sento la vicinanza delle istituzioni in questo momento così drammatico”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA