Bar e ristoranti, da venerdì si può chiedere il suolo pubblico. Chi non ha spazio può piazzare i tavoli anche lontano

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da venerdì gli esercenti potranno avviare la domanda per ottenere dal Comune la possibilità di utilizzare anche gli spazi all’esterno dei rispettivi locali.

Approderà infatti giovedì in giunta il documento con tutte le linee guida dell’iniziativa, che consentirà ai titolari di recuperare lo spazio perso a causa delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria.

In mattinata si è svolto un lungo incontro tra l’assessore Olivieri, gli uffici urbanistica e commercio e i consiglieri comunali Chiodi e Ballatore. “Ringrazio sentitamente Germano Polidori e Claudio Salvi – dice Olivieri – è stata una discussione lunga perché l’argomento è complesso e delicato”.

I bar e ristoranti che non avranno possibilità di occupare l’area appena fuori l’ingresso, potranno ottenerne una in un raggio di 100 metri. Oltre che per sedie e tavolini, semaforo verde anche per i gazebo.

La concessione straordinaria durerà fino alla conclusione dell’emergenza. Al contempo, l’amministrazione fa sapere che userà il pugno di ferro contro gli assembramenti. “Non transigeremo sui decibel e sugli affollamenti – insiste Olivieri – pena il ritiro della licenza”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA