Auditorium gremito per l’evento ‘Smartphone: sì, no, a che età’

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Auditorium Tebaldini gremito per l’evento ‘Smartphone: sì, no, a che età. Genitori e figli tra educazione e dipendenze digitali’. La relatrice del convegno, Stefania Garassini, ha spiegato il mondo digitale soprattutto per quello che riguarda la ‘digitalizzazione’ dei più piccoli, e ha parlato dell’importanza del villaggio digitale, ossia della collaborazione tra famiglia, scuola e luoghi frequentati dai bambini. Al termine è stata donata alla relatrice una cornice eseguita dai ragazzi del centro ‘Biancazzurro’

L’evento, organizzato dal Comitato Genitori Isc Centro, con la collaborazione dell’Isc Centro, del Comitato di Quartiere Paese Alto, dell’associazione ‘Amici del Paese Alto’, dell’Amministrazione Comunale, e finanziato dal ‘Rotary club’ di San Benedetto del Tronto è stato inserito nel programma civile dei festeggiamenti per la Festa del Patrono.

A fare gli onori è Attilio Rossi, presidente del Comitato Genitori Isc Centro e padre di due bambine che frequentano la scuola: “Mi sono impegnato insieme ad altri genitori a capire il mondo digitale, perché mi sono accorto che girava la moda di regalare il cellulare alla prima Comunione. Abbiamo quindi iniziato a condividere io ed altri genitori l’importanza di momenti di confronto per crescere noi stessi, e anche l’importanza di creare alleanze tra genitori e altre “agenzie” educative presenti sul territorio: la scuola, la parrocchia, il quartiere, le associazioni, l’amministrazione comunale, ossia tutti i luoghi dove i nostri figli trascorrono il loro tempo e devono essere formati. Il tema è Genitori nel villaggio digitale. Siamo convinti che per educare i bambini è assolutamente importante il villaggio, e quindi la rete che si crea da tutte queste agenzie citate. Ma i nostri figli vivono anche una fetta di villaggio che è quello digitale e non si può farne finta anche perché lo viviamo anche noi. È quindi importante conoscerne anche le opportunità e i rischi”.

Rossi termina poi con i ringraziamenti: “Grazie a tutti i genitori che hanno collaborato alla creazione del Comitato, in particolare Marco e Patrizia per il contributo all’evento, alla dirigente dell’Isc Centro Laura D’Ignazi che non è presente, ma alla Vice Preside Barbara Bollettini, al comitato di Quartiere Paese Alto e all’Associazione Amici del Paese Alto. Siamo tra i festeggiamenti civili della festa del Patrono ed è un grande onore. Grazie all’amministrazione comunale che è stata presente con il Sindaco Piunti, gli Assessori Ruggieri e Carboni, e grazie al Rotary che ha finanziato l’evento”.

Il Sindaco Pasqualino Piunti ha parole positive per l’evento e gli organizzatori: “Io credo che questa iniziativa del Comitato dei Genitori dell’ISC Centro sia una delle iniziative piu interessanti e mirate che negli ultimi anni siano state proposte a questa città. Quando si parla di agenzie educative è importante capire che in una società come la nostra che è ancora a misura d’uomo, la prima istituzione che è la famiglia e poi la scuola e quella che io rappresento, devono collaborare insieme e monitorare i momenti della crescita, e proprio questa deve essere governata e in un certo senso complice di questo cambiamento. Abbiamo voluto inserire questa iniziativa all’interno del programma della festa del Patrono proprio perché questa amministrazione sta lavorando per arrivare all’osmosi tra le varie agenzie educative, e per questo ringrazio l’Assessore alla Cultura Annalisa Ruggeri e l’Assessore alle Politiche Sociali Emanuela Carboni, e sottolineo il coinvolgimento delle famiglie sambenedettesi su un tema fondamentale”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI