Grottammare, Pomili risponde alle accuse di Vesperini: “Il comune non ha lasciato solo nessuno. Non speculi sulla disabilità per fare teatrini politici”

Print Friendly, PDF & Email

GROTTAMMARE – “Non è il momento di cercare visibilità politica in questa emergenza, chiediamo da subito al consigliere Vesperini di interpretare il suo ruolo con responsabilità senza speculare su un argomento cosi importante come la disabilità. Il consenso non si ottiene denigrando il lavoro altrui e strumentalizzando la fragilità sociale”. Sono parole dell’assessore grottammarese al sociale Monica Pomili. “Detto questo diamo un po’ d’informazioni che il consigliere Vesperini dovrebbe già conoscere – afferma -. Subito dopo il DPCM 9 marzo 2020 i Servizi Sociali hanno contattato tutte le famiglie con disabilità insieme alla cooperativa che svolge i servizi d’assistenza la quale è stata sollecitata fin dai primi giorni a mettere in campo il massimo sforzo tramite i loro operatori ma non sempre è stato possibile garantire servizi in sicurezza, anzi, in alcuni casi sono state le famiglie stesse a voler sospendere gli interventi per precauzione”.

I dati forniti dal comune parlano di tre utenti, con gravi disabilità che hanno continuato a fruire del servizio di assistenza. “Altri sette utenti – continua l’assessore – hanno potuto beneficiare, come da decreto del Governo, di attività educative in modalità telematica. In accordo con la scuola, con cui il coordinamento è indispensabile, in questi giorni stiamo provando a riattivare l’assistenza educativa in modalità telematica. Aspettiamo infine, come previsto dalla normativa, linee guida regionali per l’apertura in sicurezza dei centri diurni. Tutte le attività si sono svolte sempre seguendo le linee guida del Governo e dell’Ambito Territoriale Sociale 21.

“Il Comune di Grottammare – continua Pomili – non ha dunque lasciato solo nessuno e ha messo in campo tutti gli strumenti a sua disposizione per limitare le conseguenze nefaste del Covid-19 sui servizi per la disabilità. Ci siamo sentiti in dovere di rispondere alla disinformazione del consigliere Vesperini perché l’argomento è troppo importante. Non ci faremo però trascinare ulteriormente nelle chiacchiere di un’inutile disputa politica. Il consigliere deve capire che questa emergenza non è un palco per prendere voti. Gli chiediamo di fare lo sforzo di essere all’altezza della situazione. Questi teatrini politici hanno stancato e non piacciono più a nessuno. Se gli interessa risolvere i problemi la Giunta e i Servizi Sociali sono a disposizione, come sempre. Se invece vuole solo andare sui giornali è tutto un altro discorso”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA