Cento giorni di servizio ininterrotto, si conclude la missione della Misericordia ad Ussita

Print Friendly





GROTTAMMARE – La Misericordia di Grottammare ha concluso, nei giorni scorsi, il suo servizio su Ussita di assistenza e supporto alla Protezione Civile, insieme alle altre Misericordie marchigiane.
Su incarico della Protezione Civile della Regione Marche, le Misericordie regionali, tra queste la Misericordia di Grottammare, si erano recate nell’Appennino maceratese come squadre di primo intervento già un’ora dopo la prima delle due scosse di terremoto del 26/10/2016, consegnando coperte e acqua alla popolazione di alcuni comuni dell’Appennino maceratese.

Attestava quindi la sera stessa la propria postazione su Ussita (Mc), che presentava da subito crolli e lesioni per il 90% degli edifici e con la popolazione residente rifugiatasi in auto e nei bungalows di alcune strutture ricettive del luogo. La Misericordia restava qui ininterrottamente come detto fino al 28 Gennaio u.s. In questa data la Protezione Civile della Regione Marche, di pertinenza nella gestione del servizio di assistenza su Ussita (Mc), dichiarava la fine del servizio per un complessivo di 95 giorni.

“I compiti svolti dai nostri Volontari – spiega il Governatore Alessandro Speca – riguardavano il ritiro dei pasti presso la cucina da campo dell’ Esercito a Visso (Mc) e la somministrazione degli stessi agli addetti ai lavori, alle Forze dell’Ordine in servizio nel paese e anche di qualche residente che tornava dagli hotels della costa adriatica per verificare le proprie case danneggiate, Poi i Volontari servivano anche bevande calde nel mini-bar, garantivano la pulizia e l’igiene dei luoghi comuni e svolgevano qualche lavoro al computer nel Centro Operativo Comunale. Si adoperavano anche per altre mansioni estemporanee. Siamo fieri e orgogliosi di aver dato il nostro contributo alla ripartenza di Ussita, così duramente colpita dalla sfortuna. Insieme ai Volontari delle Misericordie marchigiane, stringiamo gli Ussitani in un grande abbraccio, felici, oltre all’aiuto concreto, di aver costruito insieme anche un rapporto umano intenso e una grande amicizia”.

“Un ringraziamento sincero – continua il governatore – va ai Volontari delle Misericordie marchigiane che hanno saputo dedicarsi a questa emergenza nel modo più appropriato e disinteressato, con quell’altruismo e quell’umanità che contraddistingue lo spirito della nostra azione”.



CONDIVIDI