Cabaret Amoremio, Battista: “Bilancio positivo. Bis nel 2020? Vediamo, non lo escludo”

Print Friendly, PDF & Email

GROTTAMMARE – Con la solita ironia aveva affermato di aver accettato il ruolo di direttore artistico per vendicarsi della mancata ammissione al festival, circa venti anni fa. Ma ora che la 35esima edizione del Cabaret Amoremio è archiviata, sono in molti a chiedersi cosa farà Maurizio Battista nel 2020.

“Se ci sarò pure l’anno prossimo? Non lo so, vediamo, non lo escludo. L’importante è aver fatto un buon lavoro, è stato un piacere. La serata è stata viva e piena di gente. Speriamo di non aver deluso, mi è sembrato un festival fatto bene”.

Battista, che ha lavorato senza percepire cachet, ha reso la manifestazione più televisiva approfittando anche della suggestiva location di piazza Kursaal. “Trovare otto comici bravi non era scontato. Il bilancio per me è positivo, non è mai facile fare queste cose. Poi sulla carta tutto sembra semplice”.

CONDIVIDI