lunedì 5 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 15:48
lunedì 5 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 15:48

Vittorio Sgarbi domenica sarà a Comunanza per ripercorrere l’arte di Ghezzi e De Magistris

L'evento è organizzato nell'ambito delle manifestazioni collegate al quinto centenario della nascita del papa Sisto V
jako

COMUNANZA
Simone De Magistris e Giuseppe Ghezzi: due protagonisti dell’Arte a Comunanza”: è questo il titolo dell’appuntamento in programma per domenica 6 novembre, alle ore 17, nell’auditorium del comune Piceno e che vedrà protagonista Vittorio Sgarbi.

L’evento – sponsorizzato dalla Regione Marche all’interno delle manifestazioni collegate al quinto centenario della nascita del papa Sisto V –  è stato ideato e organizzato dai Musei Sistini del Piceno, in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Comunanza. Giuseppe Ghezzi, nato a Comunanza nel 1634, è stato al centro di diverse celebrazioni per i 300 anni dalla morte, lo scorso anno; centenario, che si concluderà alla fine del 2022 per via delle restrizioni relative alla pandemia. 

Di Simone De Magistris, da poco è terminato il restauro della statua della Madonna con il bambino, conservata portata per l’occasione nel Museo Sistino del paese montano. 

La statua, insieme con un manufatto simile rinvenuto a Force qualche anno fa, ha incoronato scultore De Magistris, più conosciuto prima come stuccatore e soprattutto pittore, mettendo in luce la straordinaria capacità dell’autore di modellare la materia. 

 Il lavoro di restauro è stato eseguito dal restauratore Andrea Simoni, grazie al finanziamento del Bim Tronto e della sensibilità del suo presidente Luigi Contisciani.

 All’evento di domenica prossima, parteciperanno, oltre alla direttrice dei Musei Sistini Paola Di Girolami ed ai “padroni di casa” – il sindaco di Comunanza Alvaro Cesaroni e l’assessore alla Cultura Francesca Perugini – anche il neo assessore regionale Chiara Biondi, il presidente del Bim Luigi Contisciani. A concludere i lavori, il restauratore Andrea Simoni che illustrerà le fasi salienti e più sorprendenti del restauro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

conad 250
gastronomica 250

TI CONSIGLIAMO NOI…