Libero Bizzarri, vince il documentario “Butterfly”. Ancora proiezioni alla Palazzina

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Domenica pomeriggio all’Hotel Calabresi si sono tenute le premiazioni del 26esimo Premio Libero Bizzarri – Expo del Documentario. L’evento ha visto la proiezione del corto “La vena giusta del cristallo” del regista Renato Porfido e l’esibizione del maestro Federico Longo, pianista e direttore d’orchestra.

La Fondazione Libero Bizzarri ha deciso di omaggiare Ferruccio Zoboletti dedicandogli il Premio “Bizzarri 2019 – Calcio, ma non solo”: un riconoscimento all’importante ruolo avuto dall’imprenditore nella vita sportiva cittadina, avendo rivestito le cariche di presidente della Sambenedettese Calcio per una decade e del Circolo Tennis Maggioni per ben diciotto anni.

La giuria, presieduta dal giornalista Andrea Vianello, ha decretato il vincitore del 26esima Premio Libero Bizzarri: si tratta del documentario “Butterfly” di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman.

La giura ha inoltre deciso di assegnare un premio speciale a un altro documentario, “Pugni in faccia” di Fabio Caramaschi.

Le proiezioni del Festival proseguiranno in Palazzina Azzurra fino al 20 novembre. Nella giornata di martedì 19 novembre, a partire dalle 16, saranno proiettati tredocumentari fuori concorso: “Contro corrente”, “Etre et durer – Il parkour visto da una madre” e “Wrestlove. L’amore combattuto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI