La musica classica torna protagonista a Grottammare. Al via la XVI edizione del FestivaLiszt

Print Friendly, PDF & Email

GROTTAMMARE – A 150 anni di distanza dal soggiorno – durato sei settimane – che il celebre pianista e compositore ungherese trascorse proprio a Grottammare, tutto è pronto in città per la XVI edizione del FestivaLiszt, in programma dal 18 al 28 agosto: una rassegna musicale che per continuità e rilievo internazionale rappresenta uno degli eventi-chiave dell’estate culturale rivierasca, capace di attirare grandi personalità e giovani promesse della musica classica europea oltre che un gran numero di appassionati.  

La manifestazione – presentata questa mattina in Comune – è stata inaugurata lo scorso 6 luglio, nell’ambito dei festeggiamenti per la Sacra Giubilare, dal concerto-anteprima di Nikos Angelis e Nazzareno Menzietti ed entrerà nel vivo a partire dal 18 agosto, quando alle ore 19.00 presso la suggestiva Balconata sul Tesino del Lungomare Nord si esibirà un giovane trio di fiati composto da Marco Di Domenico, Francesco Di Giacinto e Giuseppe F. Paci: al termine del concerto verrà offerto un aperitivo in cui sarà possibile degustare i vini della Cantina Pantaleone e della Tenuta Santori. 

Il Festival proseguirà con altre cinque serate, tutte ambientate negli splendidi scenari del Paese Alto: il 20 agosto alle 21.30 presso la Chiesa di S.Giovanni Battista si esibirà il giovanissimo e pluripremiato pianista turco Can Çakmur; il 22, nella stessa location toccherà invece al tedesco Alexander Ullman; il 27 alle 18.30 le Logge di Piazza Peretti ospiteranno la conferenza “Chopin et Liszt, de faux amis?”, incentrata sul rapporto tra i due compositori romantici,  nell’ambito della quale interverrà il Direttore Artistico del Festival di Châteauroux Jean-Yves Clément: seguirà un momento di convivialità con la degustazione dei vini della Cantina Le Caniette e Il Conte Villa Prandone, e dei prodotti tipici di Zafferano Piceno. Alle 21.00, presso la Chiesa di S.Giovanni, avrà luogo la cerimonia di conferimento del Premio Liszt 2018 “Le Radici della Musica”, assegnato all’eclettico pianista francese Jean-Marc Luisada, il quale si esibirà subito dopo. La serata conclusiva della rassegna grottammarese, in programma nuovamente a S.Giovanni il 28 agosto alle 21.30, vedrà protagonista come nella scorsa edizione il virtuoso francese Pierre Réach, che riveste anche il ruolo di Consigliere Scientifico del FestivaLiszt.

L’organizzazione del Festival, patrocinato dal Comune di Grottammare, dalla Provincia di Ascoli Piceno, dalla Regione Marche e dal Ministero dei Beni Culturali, è curata dalla Fondazione Gioventù Musicale d’Italia, che anche per questa edizione ha ottenuto il gemellaggio con il Festival Lisztomanias di Châteauroux, evento francese nato per realizzare un progetto ideato originariamente dallo stesso Franz Liszt. 

“Questo festival è l’iniziativa intorno alla quale ruota tutta la programmazione culturale della città nella seconda metà di agosto” – ha dichiarato entusiasta il Sindaco Enrico Piergallini – “In dieci giorni potremo riscoprire e rievocare le atmosfere musicali di quel 1868 reso indimenticabile dal soggiorno di Franz Liszt: si tratta di un’occasione per conoscere meglio noi stessi ma soprattutto di aprirci al mondo, poiché Grottammare sarà il crocevia del concertismo internazionale. Ringrazio la Fondazione Gioventù Musicale d’Italia per averci permesso ancora una volta di ospitare grandi nomi della musica classica europea”.

I biglietti per accedere ai singoli concerti nella Chiesa di San Giovanni Battista costeranno 10 euro (ridotto under 20 a 7 euro); sarà inoltre possibile sottoscrivere un abbonamento, comprensivo di catalogo del FestivaLiszt 2018 e posto riservato, al costo di 36 euro (ridotto under 20 a 25 euro).

Gli spettacoli sono accessibili ai diversamente abili.