domenica 3 Luglio 2022 – Aggiornato alle 22:19

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

La Pubblicazione

Il sambenedettese Antonio Prado ha presentato a Roma un libro sul mondo del web

Un testo scritto con altri due autori, Tiziano Tofoni e Flavio Luciani, edito da Reiss Romoli e sponsorizzato dal punto di interscambio romano NAMEX
ROMA

ROMA – Chi è in grado di cambiare le regole del gioco nel panorama della Rete? Uno di questi è Antonio Prado, sambenedettese, che proprio nella giornata di ieri 22 giugno 2022, ha presentato a Roma (villa Miani) un libro sul funzionamento di Internet dal titolo “BGP, dalla teoria alla pratica”. Un testo scritto con altri due autori, Tiziano Tofoni e Flavio Luciani, edito da Reiss Romoli e sponsorizzato dal punto di interscambio romano NAMEX. Seicentoventi pagine sui meccanismi che consentono a Internet di operare.

“È un volume molto tecnico, sicuramente adatto agli addetti ai lavori ma nel quale anche i curiosi, studenti o neofiti possono trovare risposte, soddisfare curiosità e, in generale, avvicinarsi all’affascinante industria degli Internet Service Provider” – dichiara Prado e aggiunge: “Il libro svela il dietro le quinte degli operatori di telecomunicazioni mettendo a nudo il BGP che è il protocollo alla base dell’ecosistema Internet”.

Quale impegno ha richiesto la stesura del testo?

“Sono stati due anni circa di lavoro per me e i mie due compagni di viaggio Luciani e Tofoni, grandi professionisti che hanno reso più agile e, in un certo senso anche più leggero, il lungo percorso necessario per raggiungere la stampa. Tutti e tre proveniamo da lunghe esperienze nella formazione e divulgazione. Per quanto mi riguarda, solo nell’ultimo anno, sono stato relatore in numerose conferenze di settore e ho formato, sui temi legati a Internet, centinaia di tecnici provenienti dai maggiori operatori di rete italiani e stranieri (TIM, Fastweb, Vodafone, Tiscali, AgID, Open Fiber, Città del Vaticano, Ministeri ecc). Inoltre sono ormai anni che spiego le architetture di Internet nelle aule universitarie. Tutto questo mi ha consentito di poter affrontare la stesura di questo libro con la giusta prospettiva”.

Perché proprio questo preciso argomento, il BGP?

“Si tratta di un tema che è alla base del nostro lavoro: grandi e piccoli operatori devono prima o poi misurarsi con il BGP senza il quale Internet non esisterebbe. Praticamente è un insieme di regole piuttosto ferree che si sono sviluppate e stratificate fin dagli anni ’80 e, fino a ieri, mancava un manuale che trattasse in modo completo questa vastissima e complessa materia”.

Il testo è in italiano, come mai questa scelta?

“La letteratura tecnica è quasi sempre in lingua inglese, ma stavolta abbiamo voluto dare un segnale: l’edizione del 2022 nasce in italiano a beneficio di tutti i colleghi che operano in Italia con personale di lingua italiana. Abbiamo voluto semplificare la vita a chi desidera approfondire un tema già di per sé assai complesso. Comunque è già in corso la traduzione del testo in inglese e il lancio internazionale avverrà in autunno per accontentare il mercato mondiale. A dire la verità, proprio ieri abbiamo ricevuto proposte per edizioni in francese e in tedesco. Insomma, per una volta è l’Italia che detta la linea”.

Come è stato accolto il libro?

“Confesso che alla vigilia della presentazione avevamo delle sensazioni positive, ma quello che poi è successo ieri è andato di molto oltre le aspettative. L’evento all’interno del quale ci siamo mossi è il meeting annuale del NAMEX, l’Internet eXchange Point di Roma, che è tornato a svolgersi in presenza dopo un paio d’anni di stop. Erano presenti 358 esponenti della Rete italiana grandi e piccoli, e, tra gli altri, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Roberto Baldoni (Direttore Generale dell’Agenzia di Cibersicurezza Nazionale), Camilla Sebastiani del Ministero per l’Innovazione tecnologica e Trasformazione digitale. Inoltre, più di 600 persone in collegamento streaming. Insomma una platea di addetti ai lavori niente male. L’entusiasmo con il quale il libro è stato accolto ci ha ripagato di ogni sforzo. È veramente soddisfacente quando il tuo impegno e il tuo lavoro vengono riconosciuti ai massimi livelli”.

Ulteriori progetti per il futuro, magari a San Benedetto?

“Progetti? Mille e uno! La digitalizzazione è un processo che mi sta molto a cuore, come pure i temi legati alle città smart e in generale tutto ciò che investe le infrastrutture digitali del nostro Paese. Sono convinto che la vera sfida, quella bella e complicata, sia attuare e coordinare una strategia a livello nazionale che si riverberi, con precise e chiare istruzioni, anche agli Enti Locali dove è necessario prendere iniziative coerenti con il contesto italiano ed europeo. Per quanto riguarda San Benedetto, spero vivamente che in futuro, con i giusti presupposti, io possa tornare a contribuire alla crescita della città”.

Altri libri in cantiere?

“Scrivere è complicato, almeno per me. Intendo che spiegare argomenti tecnici richiede un certo sforzo per consentire sia a chi è esperto e vuole perfezionarsi, sia a chi è agli inizi e desidera crescere, di trovare la propria chiave di lettura e ottenere il massimo dal testo. Continuerò di sicuro con gli articoli divulgativi, per neofiti, e con gli articoli scientifici, per esperti come pure con l’intensa attività di formazione. Però, detto questo, l’idea di un nuovo libro in effetti c’è già. Un volume per il quale ho già molto materiale e tratterà di un argomento che ho l’opportunità di affrontare da oltre vent’anni. Anche in questo caso, sarà un’opera in italiano che andrà a colmare una lacuna nella letteratura tecnica di oggi. Non posso dare ulteriori anticipazioni”.

Per avere un’anteprima degli argomenti del libro “BGP, dalla teoria alla pratica”, è possibile vedere il video della presentazione:

tua cialda 250

Ultime notizie

euro 3 250

TI CONSIGLIAMO NOI…