I piccoli protagonisti in sala consiliare a Centobuchi, al via la rassegna teatrale «Un Soffio Gentile»

Print Friendly, PDF & Email

MONTEPRANDONE – Una rassegna di spettacoli fatti su misura dai più piccoli sul tema della gentilezza. Questo è “Un Soffio Gentile”, l’iniziativa dell’asd “C’era una volta” che partirà il 19 dicembre, ospitata nella sala consiliare di Centobuchi, in piazza dell’Unità.

Ciascuno degli spettacoli è stato preparato in maniera molto particolare. Anziché scrivere una sceneggiatura e assegnare ai giovanissimi attori le parti, sono stati i piccoli a creare dei personaggi, modellandoli su loro stessi e sulle loro esperienze. Da questi, poi, con l’aiuto delle maestre e delle educatrici dell’associazione, è stata composta la storia di ciascuna rappresentazione. Ognuno degli spettacoli avrà per tema la gentilezza che, oltre a fornire il filo conduttore per ciascuna recita, è anche il focus educativo del progetto.

“La nostra asd si prefigge lo scopo, attraverso la pratica sportiva, di andare oltre il concetto di vincitori e vinti, ma di insegnare ai bambini attraverso il gioco e l’attività sportiva a vivere in società le proprie emozioni – ha spiega la presidente dell’associazione, Clelia Spotorno -. Questo progetto, sviluppato con le insegnanti dell’Isc di Monteprandone, oltre a perseguire l’obiettivo per cui è nata la nostra associazione vuole anche dar modo di riflettere a tutti, piccoli e grandi, sul tema della gentilezza, che è una “virtù” che nella società contemporanea è sempre più spesso assente”.

Il progetto, oltre ad aver ottenuto il patrocinio del Comune di Monteprandone, è stato sostenuto anche dalla Regione Marche. Il consigliere regionale Fabio Urbinati, è infatti intervenuto alla presentazione del progetto, ormai in prossimità di lancio, per esprimere il supporto dell’amministrazione a queste iniziative: “Progetti come questo sono sempre più frequenti a livello locale e regionale, perché danno un valore aggiunto al processo educativo portato avanti dalle scuole e fanno sì che a beneficiarne non siano solo i ragazzi, ma tutta la comunità. Ci auguriamo vivamente che questa iniziativa sia solo la prima di una lunga serie di progetti di questo tipo, perché il nostro territorio ne ha un gran bisogno”.

Ringraziamenti per gli sforzi sostenuti da “C’era una volta” sono arrivati anche da parte dell’amministrazione locale da parte del vicesindaco Sergio Loggi, che ha voluto porre l’accento sul tema dell’iniziativa: “Con questo progetto è stato svolto un lavoro egregio, trattando un argomento importante e molto vicino alla nostra realtà dell’educazione – ha detto -. “Gentilezza” è un vocabolo che viene poco usato di questi tempi ed è importante ricordarne il concetto”.

Le rappresentazioni si terranno a partire dal 19 fino al 22 dicembre. In parallelo, il 18 e il 21 dicembre, dalle ore 16.30 alle 18.00 presso la biblioteca Giovarti di Centobuchi, sarà offerta a tutti i ragazzi la possibilità di prendere parte ai laboratori creativi organizzati dall’asd “C’era una volta”. Inoltre, presso la sala audio-cinema della biblioteca, si terranno diverse mostre e proiezioni negli orari delle iniziative.


© RIPRODUZIONE RISERVATA