martedì 27 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 12:25

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
martedì 27 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 12:25

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

FestivaLiszt, si chiude un’edizione da record. La kermesse è sempre più internazionale

Il bilancio delle ventesima edizione

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
francesca piunti

La 20 esima edizione  del FestivaLiszt  chiude con un bilancio estremamente positivo. A tirare le somme alla presenza del sindaco Enrico Piergallini e del suo vice,  Alessandro Rocchi, la presidente della Fondazione GMI, Rita Virgili, che tutti gli anni organizza la manifestazione con il sostegno della Citta di Grottammare e la Regione Marche, e la direttrice artistica, Francesca Virgili. “Un’edizione straordinaria  e di grande qualità artistica-ha esordito Rita Virgili. Un festival corale per la condivisione tra pubblico, critica, artisti e giornalisti. Da registrare anche  la forte presenza di giovani sia tra gli esecutori che tra il pubblico”.  Molto apprezzati i concerti, a partire da quello all’alba, un appuntamento di punta dell’estate della Riviera, con oltre 300 presenze a cui era abbinato il concorso fotografico con oltre 40 partecipanti. Grande afflusso di pubblico anche al concerto del coreano Jae Hong Park, premio Busoni, con poche date in Italia ha richiamato appassionati  anche da Roma , scenografico il concerto di Maurizio  Baglini e del suo allievo Librale nell’esecuzione della Nona di Beethoven trascritta da Liszt per 2 pianoforti.  Teatro delle Energie  quasi al completo per lo show del basso Andrea Concetti che ha scelto la sua città  per festeggiate i 30 anni di musica e di teatro. Gradito ritorno del pianista Pierre Reach al Paese alto, si è esibito nella chiesa di San Giovanni Battista concludendo il progetto delle Sonate di Beethoven.

Ampio spazio ai talenti locali, tra cui Il pianista Davide Massacci, il clarinettista  Giuseppe Federico  Paci con il Laboratorio Unplugged e la violoncellista Maria Margherita Paci con il Trio Maurice,  nel concerto itinerante del Paese Alto con la collaborazione del Consorzio Paese alto, una formula nuova che ha visto l’esibizione di vari gruppi musicali negli angoli più suggestivi del vecchio incasato.  Molto applaudito dal pubblico anche il recital del pianista pesarese Paolo Marzocchi, preceduto da una conversazione , al Teatro Mercantini di  Ripatransone.  Il direttore artistico, Francesca Virgili, si è soffermata sulla qualità delle proposte musicali, tanto dei giovani talenti che dei pianisti più affermati. Il Festival rafforza il suo carattere internazionale con il gemellaggio con il Festival Lisztomanias di Chateauroux e con l’inserimento a pieno titolo  nell’associazione europea “ Sur le pas de Liszt”.  Nelle parole del primo cittadino il respiro europeo di un festival , nato  nel 2003 da un’intuizione  della GMI. “Dopo 20 anni  la manifestazione è cresciuta e si è radicata nel territorio. Non solo, oggi è l’iniziativa più internazionale di Grottammare, capace di parlare ad un pubblico plurilingue. E’ un modello culturale, ma anche turistico. Dovrà diramarsi anche nell’annualità culturale di Grottammare, estendendosi in autunno e d’inverno  nello spazio più vocato, il vecchio incasato, interagendo con l’anima più elegante  e nobile dell’antico borgo.

Infine l’annuncio di un progetto importante: “ i tempi sono maturi per una Sala Liszt con i cimeli del passaggio del grande compositore  a Grottammare ma anche un Centro di documentazione del FestivaLiszt con foto, saggi e la storia della manifestazione quale centro propulsivo di ricerche e studi. Luoghi più adatti :  la Biblioteca comunale oppure alcuni locali dell’Ospitale del paese Alto”. Molta soddisfazione anche da parte del Comune di Ripatransone che ha ospitato il concerto finale di Paolo Marzocchi” Una serata ricca di emozioni-ha sottolineato il consigliere delegato al turismo Stefano Fraticelli, soddisfacente sia per la qualità artistica che per la grande partecipazione di pubblico, ci auguriamo che la proficua collaborazione tra costa ed entroterra prosegua anche nel futuro”. Nello spazio della Bottega del vino, prossima alla sua riapertura, anche la degustazione dei  migliori vini Doc e Docg delle cantine locali, Le Caniette e Tenuta Santori,  come nella migliore tradizione del Festival. Per un brindisi corale ed augurale per i prossimi 20 anni del Festivaliszt

la baia
spadu

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

francesca piunti
kokeshi
casereccia 250

TI CONSIGLIAMO NOI…