Da Mel Brooks a Scarpetta. A Cupra il teatro è per tutti i gusti

Print Friendly, PDF & Email

CUPRA MARITTIMA
E’ stato presentato ieri sera dall’assessore alla cultura Anna Maria Cerolini e dall’assessore al turismo Luca Vagnoni con l’intervento del sindaco Domenico D’Annibali nella sala consiliare del comune di Cupra Marittima il nuovo programma teatrale dell’inverno 2015 del Cinema Margherita. Gli organizzatori della stagione sono anche membri dell’Avis di Cupra e di G.A.T. Marche (Gruppo Attività Teatrali Territoriali): Franco Regi, Emilio Lanciotti, Giandomenico Umberto, Primo Ricci e Graziano Cognigni.

Lo scopo della rassegna, che è ormai alla sua trentacinquesima edizione, è quello di offrire una esauriente varietà di generi teatrali: dal teatro classico al dramma, dalla commedia alle opere dialettali. Si inizia venerdì 30 gennaio con Frankestein Junior di Domenica Santoncini, tratto dal film di Mel Brooks, inscenato dalla compagnia de Gli Aironi di Cupra, composta da giovani attori. Una commedia grottesca che farà ridere gli spettatori.

Il 6 febbraio è messo in scena dall’Associazione I Picari di Macerata Le Une e le Altre di Lucia De Luca, un viaggio in un universo femminile ironico e malizioso. Il 13 febbraio è la volta de La Quinta Dimensione di Porto San Giorgio con Il Paese degli Onesti di Lorenzo Roscioli, un’allegoria su come evitare la disonestà. Il 20 febbraio sono di scena I Cocchi di Re Miseria di Porto d’Ascoli con Carmine Pascià di Luigi Pelletti e Roberto Di Donato, tratto dal romanzo di Gian Antonio Stella “ Carmine Pascià, che nacque buttero e morì beduino”. Storia di un soldato del regio esercito che parte per la Libia pensando sia la terra promessa per poi scoprire che si tratta solo di sabbia.

Il 27 febbraio è il turno di Antò Mezzudente di Vincenzo Cenciarelli del Gruppo dell’Arco Fermano di Capodarco in dialetto fermano. Il tema è il distacco dei figli dai genitori.
Il 6 marzo è presentata l’opera da i Liberi Teatranti di Cupra Perché non me lo avete detto prima?, ispirata a Mettiteve a fa l’ammore cu me di Eduardo Scarpetta. Due innamorati che escogitano una serie di sotterfugi prima di dichiarare apertamente il loro amore.

Il 13 marzo chiude la stagione Morto un papa se ne fa ‘n atru di Gabriele Mancini, rappresentato dalla compagnia La Nuova di Belmonte Piceno. Una commedia incentrata sulla solitudine che viene demistificata con delicatezza, simpatia e ironia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA