Covid, Natale al Borgo a rischio: “Gli attori sono anziani. Tutto cambia da un Dpcm all’altro”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’edizione 2020 di Natale al Borgo è a rischio. L’allarme covid, tornato ai livelli di guardia, preoccupa l’amministrazione comunale anche per l’organizzazione del calendario natalizio. Se alcune manifestazioni sembrano essere confermate, con l’ipotesi di un lockdown natalizio volutamente allontanato dagli organizzatori, diverso è il discorso per le tradizionali scenette dialettali che animano il Paese Alto nei giorni successivi al Natale. “Ho in animo di incontrare l’associazione Ribalta Picena nei prossimi giorni”, spiega l’assessore alla cultura Annalisa Ruggieri. “Le paure sono legate alla pandemia, al fatto che gli attori sono anziani e che le incertezze del momento rallentano tutte le attività soprattutto organizzative e di programmazione. Cambia tutto da un Dpcm ad un altro e dobbiamo usare la massima prudenza”.

La sensazione è che tutto rimarrà congelato almeno fino ad inizio dicembre. Se è vero che l’iniziativa si svolge all’aperto, è innegabile la difficoltà nel garantire il distanziamento tra i presenti che in tempi di normalità si ammassavano in prima fila per assistere a recite che vanno in scena in piccoli vicoli e senza microfoni.

“Vorrei essere ottimista, ma davvero in questo momento dobbiamo essere cauti – prosegue la Ruggieri – queste manifestazioni hanno bisogno di prove e contatti tra gli artisti e sinceramente la vedo difficile”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA