Come superare le delusioni, tutte le risposte nel libro di Pascale Chapaux Morelli

Print Friendly

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un libro che sa raccontare la delusione e la trasforma in opportunità. Così viene definito dalla nota scrittrice Dacia Maraini “Vincere le delusioni”, edito da Feltrinelli, l’ultima opera letteraria di Pascale Chapaux Morelli scritta a quattro mani con il giornalista e scrittore Eugenio Murrali. Più di cento pagine dove il lettore potrà trovare risposte su come superare le delusioni e trasformarle in opportunità. Delusioni che possono essere frutto di un comportamento di un collega, un amico, un compagno altre volte determinate da alcune circostanze.

“L’obiettivo è di spiegare cosa succede quando si deve affrontare una delusione difficile e dura. Prima di superala bisogna capire cosa ci fa star male – commenta l’autrice Pascale -. Le persone più soggette alla delusioni sono quelle che hanno un continuo bisogno di riscontro da parte dell’altro, vivono una sorta di dipendenza affettiva”. Ebbene Pascale Chapaux Morelli, psicologa e insegnate di Psicologia sociale all’Università di “Parigi 8”, attraverso questo testo, offre al lettore degli strumenti su come trasformare un vissuto infelice in qualcosa di positivo.

Sfogliando le pagine si potranno trovare degli esercizi su come smontare i meccanismi della delusione e ricomporli affinché si possano acquisire quante più nozioni in grado di saper affrontare in futuro ogni tipo di delusione senza esserne travolti. La delusione viene descritta come un percorso caratterizzato da sette fasi, che vanno dalla sorpresa, ovvero il momento iniziale che provoca la sofferenza, fino all’accettazione e quindi al superamento. Il libro, dopo dopo la prima nazionale a Roma con Dacia Maraini, è stato presentato ieri presso il Palazzo “Piacentini” del paese alto di San Benedetto alla presenza degli autori Morelli e Murrali, mentre gli attori Simone Cameli e Ottavia Orticello hanno letto e interpretato alcuni brani del testo. Ha conversato con gli autori Sonia Loffreda.