Alessandro Pagnotti scrive un libro per finanziare gli studi sulla Sindrome di Down. Giovedì la presentazione con Enzo Iacchetti

Print Friendly, PDF & Email

ASCOLI PICENO – Si chiama “Diamo tempo al tempo di avere tempo prima che il tempo non abbia più tempo” e non uno scioglilingua ma un toccante libro scritto dal giornalista Alessandro Pagnotti il cui ricavato delle vendite sarà devoluto per la ricerca del professor Pierluigi Strippoli dell’Università di Bologna sulla Sindrome di Down. L’autore, giornalista già voce di Sky e profondamente radicato nel territorio piceno, ha dato vita ad un’opera che egli stesso definisce “partorita dalla propria anima”, tutta da scoprire e non è un caso che il testimonial della presentazione che si terrà giovedì 3 gennaio nella Sala dei Savi di Ascoli Piceno sarà, come già accaduto nei due precedenti incontri di Grottammare e Montalto, Enzo Iacchetti.

“Alessandro ha scritto delle cose meravigliose per noi e per la nostra anima – spiega il popolare volto televisivo – che tra l’altro darà il ricavato in una operazione di solidarietà straordinaria”. GLi introiti della venditi andranno infatti totalmente devoluti al progetto di ricerca dell’università di Bologna per individuare cure per la disabilità intellettiva associata alla Sindrome di Down. “Questo significa – spiega Iacchetti – che tutti i 10 euro necessari per comprare il libro andranno totalmente a quella ricerca”.

Un progetto nel quale l’autore crede fortemente: “In passato – spiega – la ricerca si è spesso basata sulla Sindrome di Down. Oggi i ragazzi hanno un nome e un cognome e la ricerca del professor Strippoli va proprio in questo senso, nella valutazione della persona nata con quella sindrome, una persona che ha un’anima e nel libro che ho scritto le due parole maggiormente frequenti sono anima e tempo. Ho giocato su queste due parole cercando di trasmettere quello che avevo dentro. Il concetto è che dobbiamo dare più tempo all’anima”. L’appuntamento è per le 18 di giovedì 3 gennaio nella Sala dei Savi di Palazzo dei Capitani ad Ascoli Piceno.

CONDIVIDI