Maltrattamenti sui cani e certificati falsi, nei guai in cinque

Print Friendly, PDF & Email

TERAMO – Un’operazione congiunta dei carabinieri del Nas di Padova e del Nas di Pescara nell’ambito del traffico di cani ha portato alla denuncia di cinque persone.

Un veterinario, ufficialmente esercitante la professione a Padova, e quattro allevatori sono infatti finiti nei guai in quanto risultavano coinvolti in un giro di interventi chirurgici illegalmente operati su alcuni esemplari di dogo argentino e di falsificazione dei certificati di provenienza degli animali.

Il gruppo infatti operava in diversi allevamenti del teramano e del pescarese, dove effettuava interventi quali il taglio delle orecchie o della coda, vietati dalla legge italiana, manomettendo poi i certificati dei cani in modo che risultassero provenienti dall’estero prima di immetterli sul mercato italiano.

I cinque sono stati individuati e denunciati dai militari e dovranno ora rispondere dell’accusa di maltrattamento di animali, falsità in certificati e uso di atti falsi.