Un quintale e mezzo di pesce sequestrato in un negozio etnico

Print Friendly, PDF & Email

ALBA ADRIATICA – Il nucleo ispettivo dalla guardia costiera, di concerto con il servizio veterinario della Asl di Teramo, ha effettuato un accurato controllo all’interno di un negozio etnico che si trova ad Alba Adriatica, gestito da un cittadino cinese. I militari hanno riscontrato gravi lacune per quanto concerne le modalità di conservazione del prodotto, la loro provenienza e il rispetto delle norme di legge.

I controlli, infatti, mirati alla verifica delle norme che regolano la commercializzazione dei prodotti ittici, hanno fatto emergere alcune gravi irregolarità. Nella cella frigo e negli annessi pozzetti, infatti, i militari della Guardia Costiera e i veterinari dell’ASL hanno rinvenuto prodotti della pesca e prodotti di origine animale e vegetale (tra cui carni varie, murena giapponese, frattaglie di suino, teste di anatra e corvina giapponese) di cui non hanno potuto ricostruire provenienza ed informazioni basilari obbligatorie dell’etichettatura da garantire al consumatore. Il prodotto è stato così sequestrato. Il gestore del negozio è stato sanzionato.

CONDIVIDI