Scheletro sotto un ponte. Potrebbe essere di Daniele Taddei

Print Friendly, PDF & Email

TORTORETO – Era scomparso quattro anni fa, lo hanno trovato oggi senza vita nel punto dell’allontanamento. E’ successo sotto il ponte del Salinello, a Teramo. Ora c’è la quasi certezza che lo scheletro ritrovato al posto di guida della Nissan Micra, oggi pomeriggio verso le 17, nelle campagne della frazione di Terrabianca di Tortoreto, in un fossato ricoperto di rovi e boscaglia, appartenga a Daniele Taddei, il 28enne di Sant’Omero scomparso nel nulla nell’agosto del 2014.

Ad accorgersi della presenza della macchina e del cadavere a bordo è stato un cacciatore che cercava di recuperare i suoi cani lanciati alla rincorsa di una volpe stanata poco prima. Gli animali non risalivano dal fosso impervio e il cacciatore si è inoltrato nella fitta siepe, a molta distanza dalla strada che da Tortoreto conduce alla provinciale Bonifica del Salinello. Quando ha insistito tra i rovi ha fatto la macabra scoperta e ha avvertito le forze dell’ordine. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri che adesso stanno eseguendo il recupero del caso e le verifiche tese ad eliminare qualsiasi dubbio sull’identità dello scheletro.

CONDIVIDI