Rsa di Offida, spuntano altre morti sospette. Tre famiglie sporgono denuncia alla Procura

Print Friendly, PDF & Email

OFFIDA – Le famiglie di tre persone decedute all’Rsa di Offida tra il 2017 e il 2019, hanno presentato una denuncia contro ignoti alla Procura di Ascoli Piceno. Ci sarebbero dunque altri tre decessi sospetti nella struttura offidana, morti avvenute tra il 2017 e l’inizio del 2019 per le quali l’avvocato Matteo Mion, legale dei familiari dei tre anziani, ha presentato alla la denuncia chiedendo esami tossicologici e, laddove necessario, la riesumazione delle tre salme dopo che il recente arresto dell’infermiere grottammarese di 57 anni, ha riacceso dei sospetti che i familiari dei tre anziani nutrivano fin dai giorni successivi alla loro scomparsa. «Avevano dei dubbi – spiega il legale – perché se è vero che si trattava di persone anziane e con alcune patologie è altrettanto vero che quei decessi sono avvenuti in maniera inaspettata».

Dopo l’apertura delle indagini e l’arresto dell’infermiere, accusato di aver provocato la morte di otto ospiti della struttura offidana, i familiari di quei tre anziani ora vogliono vederci chiaro e capire quali siano state le reali cause dei decessi dei loro congiunti. «Tutti loro si augurano che quanto accaduto ai loro parenti non abbia nulla a che fare con i fatti di cronaca che abbiamo letto nelle ultime settimane sui giornali – afferma l’avvocato -. La speranza è che quello che appurerà la Procura possa far mettere la loro anima in pace ma i sospetti ci sono e per questo motivo hanno deciso di rivolgersi alla giustizia». A quelle tre famiglie potrebbero aggiungersene altre: «Ci sono altre situazioni che potrebbero essere poco chiare – afferma l’avvocato – e sulle quali probabilmente sarà necessario fare luce e chiarezza». Situazioni, almeno per quanto riguarda i sospetti, non isolate dunque ed è proprio per questo che l’avvocato invita tutti i parenti degli ospiti di quella struttura che possano nutrire dei dubbi sui decessi dei propri congiunti a farsi avanti e valutare insieme la possibilità di segnalare la situazione alla giustizia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA