Rivolta nel carcere di Ascoli. Due agenti feriti, uno morso ad un braccio. Detenuti barricati per quattro ore

Print Friendly, PDF & Email

ASCOLI PICENO – Rivolta al carcere ascolano di Marino del Tronto. E’ accaduto ieri all’interno della casa circondariale Picena e, stando a quanto riferiscono dal sindacato Uilpa (Uil Pubblica Amministrazione), per quasi quattro ore la situazione è stata di altissima tensione prima di essere risolta dal lavoro degli agenti di polizia penitenziaria attraverso un’azione di dialogo e perseveranza.

Il problema è che il bilancio di quanto accaduto ieri parla di due agenti feriti che sono stati medicati al pronto soccorso del Mazzoni. Uno dei due sarebbe anche stato morso ad un braccio. Tutto sarebbe nato da alcuni controlli predisposti, in mattinata, nelle celle. Uno dei detenuti si è però opposto a quelle attività e ha dato vita alla protesta mettendo sottosopra la propria cella e tagliando il tubo del gas che alimento il fornellino per cucinare.

Quindi, insieme ad altri detenuti che nel frattempo avevano iniziato a spalleggiarlo, ha bloccato l’accesso alla sezione. E’ iniziato un lunghissimo pomeriggio di tensione che ha visto il lavoro anche degli agenti della penitenziaria che avevano finito il turno ma che non se la sono sentita di lasciare soli i colleghi. La situazione è tornata alla normalità dopo le 16.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI