Ristorante “chilometro zero” abusivo, dopo il blitz della Finanza arriva l’ordinanza del Comune: “Cessare immediatamente le attività”

Print Friendly, PDF & Email

Dopo il blitz della Finanza avvenuto all’inizio di novembre che consentì di scoprire una sorta di ristorante a “chilometro zero” completamente abusivo nell’hinterland sambenedettese, arriva ora anche l’ordinanza del Comune. Il locale, che era un’abitazione, ogni fine settimana, proponeva piatti e pietanze “certificati”, per lo più provenienti dalle proprie coltivazioni. Una “certificazione”, tuttavia, non rinvenuta in alcuno degli Uffici pubblici ai quali compete il rilascio delle autorizzazioni e delle licenze per la somministrazione di cibi e bevande, così come anche del tutto sconosciuta è risultata l’attività di ristorazione agli Uffici Finanziari, sui quali incombono gli oneri di controllo, scoperta dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno

Negli ultimi giorni è arrivato anche il provvedimento del Comune che ha imposto al responsabile di quella attività la “cessazione immediata dell’esercizio di somministrazione di alimenti e bevande”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA