Prima le botte, poi la persecuzione a moglie e figli. Quarantaduenne di Monteprandone finisce in carcere

Print Friendly, PDF & Email

MONTEPRANDONE – Prima i ripetuti episodi di violenza nei confronti della moglie poi il divieto di avvicinamento che, oggi, rappresenta un reato particolare in seguito all’attivazione del codice rosso. Ma ciononostante continuava a gravitare a ridosso della casa dove vivevano la moglie e i suoi figli. Lo hanno appurato i militari che hanno trasmesso alla Procura gli atti relativi ad un quarantaduenne di Monteprandone che, nonostante i provvedimenti intrapresi in seguito agli atteggiamenti violenti, insisteva nel tentare di avvicinare la donna.

Alla luce di tutto è stato così adottato l’unico provvedimento possibile: il carcere. I militari lo hanno così prelevato e portato nella casa circondariale di Marino del Tronto dove ora è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI