“Pantera” a Ripatransone, le orme rinvenute non sono di un felino. Forestali al lavoro: “Continuano i pattugliamenti”

Print Friendly, PDF & Email

RIPATRANSONE – I carabinieri forestali continuano a lavorare sugli avvistamenti di un grosso felino nella zona di Ripatransone. “Avvistamenti – fanno sapere dal comando provinciale – riferiti da diverse persone che non sono stati sinora però suffragati da elementi oggettivi quali immagini, filmati, carcasse di prede oppure dal rinvenimento di impronte”.
Il reperimento di orme è infatti risultato sino ad oggi difficoltoso a causa dell’aridità del terreno ma le piogge dei giorni scorsi hanno ammorbidito il suolo e nelle ultime ore in territorio di Montalto Marche sono state individuate e fotografate alcune grosse impronte che hanno insospettito gli abitanti e le forze dell’ordine.
I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Castignano e della locale Stazione Carabinieri sono intervenuti sul posto e in stretto coordinamento con i colleghi della Stazione Carabinieri Forestale di San Benedetto del Tronto, hanno rilevato le impronte che sono state successivamente esaminate dal personale specializzato del Nucleo Carabinieri CITES di Fermo, che hanno escluso che possa trattarsi di orme lasciate da un felino.
“L’esame della forma e dei segni impressi sul terreno – continuano i militari – ha permesso di stabilire con certezza che si tratta di impronte lasciate da un grosso canide. Questi sono per ora gli elementi oggettivi riscontrati, ed in ogni caso i Carabinieri Forestali presenti sul territorio, unitamente agli altri Reparti dell’Arma, stanno sinergicamente proseguendo l’intensa attività di prevenzione e perlustrazione del territorio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA