Movida ai tempi del coronavirus, anche il reparto mobile di Senigallia a presidiare il centro di San Benedetto

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ci sono anche due mezzi del reparto mobile di Senigallia con dieci agenti a bordo a presidiare il centro di San Benedetto nella prima serata di movida della Fase 2. E’ quanto disposto da Prefettura e Questura che, in collaborazione con il Comune e con il sindaco Pasqualino Piunti, hanno deciso di adottare fin da subito la linea dura. Sempre su input di Piunti il QUestore, il dottor Pomponio, ha inviato anche alcuni agenti della sezione anticrimine sia dal Piceno che dal Teramano. COn loro anche unità del commissariato sambenedettese, dei carabinieri e della Guardia di Finanza.

Il loro compito sarà quello di vigilare sul rispetto delle regole, sia relativamente alla movida ma anche e soprattutto sulle normativa anti contagio da coronavirus. La linea annunciata, come detto, è dura. Il Questore è pronto ad applicare la’rticolo 100 del Testo Unico di Leggi di Pubblica Sicurezza mentre il sindaco ha fatto sapere di essere disposto a limitare gli orari di apertura dei locali in caso di mancato rispetto delle regole. “Regole – afferma – che tutti conoscono e che sanno come rispettare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA