Marche, per alimentare la piantagione di marijuana si allaccia alla rete Enel. Ruba corrente per 97mila euro

Print Friendly, PDF & Email

MACERATA – Una serra fai da te con quattro vani, costantemente illuminata giorno e notte e suddivisa in base alle piante in maturazione e quelle pronte per essere lavorate. E tanta luce elettrica che non pagava lui. E’ stato condannato a sei mesi l’uomo di 59 anni di Pollenza, nel Maceratese, che aveva allestito una coltivazione casalinga di marijuana.

La serra aveva bisogno di costante illuminazione così lui, anziché utilizzare la propria utenza domestica (che non avrebbe retto tra l’altro alla necessità di energia da erogare) ha creato un allaccio abusivo alla rete Enel attingendo all’energia prima che i cavi arrivassero al suo contatore.

Un furto aggravato andato avanti per anni dal momento che la quantificazione economica dell’energia elettrica usurpata ammonta a 97.800 euro. Ieri è arrivata la sentenza che ha visto l’uomo condannato a sei mesi di reclusione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI