La galleria Castello verso la riapertura totale. «Entro il 7 febbraio tornerà pienamente percorribile»

Print Friendly, PDF & Email

GROTTAMMARE – La galleria Castello riaprirà di giovedì. O il 31 gennaio oppure il 7 febbraio. E’ la forbice che la società Autostrade ora è in grado di indicare per il termine del cantiere che, dallo scorso 23 agosto, ha creato code e incidenti lungo la corsia Sud dell’A14. Questa settimana, infatti, sono ripresi i lavori sul tunnel pesantemente danneggiato dalle fiamme che, quella notte di agosto, distrussero un camion in transito. Sono ripresi con circa una settimana di ritardo su quanto previsto dal ruolino di marcia perché il maltempo ha imposto ai tecnici e agli operai uno stop forzato.

Ora, dopo il “regalo” di Natale delle due corsie ridotte ma aperte all’interno della galleria, si è tornai a viaggiare su un unico canale. «Problemi di traffico in questo periodo non ce ne sono – spiega il direttore del tronco autostradale Gianni Marrone – e le macchine stanno lavorando senza creare particolari problemi». Sia chiaro, il by pass c’è sempre. All’interno della galleria andata a fuoco si viaggia su una sola corsia, l’altra viene recuperata sulla carreggiata opposta, quella diretta a Nord ma in effetti non si hanno notizie di particolari problemi legati a code o rallentamenti che possano essere collegate ai lavori nella galleria. La prova generale, ovviamente, sarà quella del weekend ma, a prescindere, consola il fatto che di fine settimana ne sono rimasti davvero pochi.

Un paio, tre al massimo, perché Marrone è chiaro: «Tempo permettendo – afferma – la riapertura dovrebbe avvenire il 31 gennaio. Al massimo il 7 febbraio. Se le condizioni atmosferiche non creeranno problemi quella è la data ultima per la riapertura definitiva del tunnel». Insomma all’orizzonte c’è la fine di un’odissea iniziata nella ntote tra il 22 e il 23 agosto. I problemi erano iniziati in quel momento, quando un camion che stava percorrendo l’A14 in direzione Sud aveva preso fuoco all’interno del tunnel a diverse decine di metri dall’ingresso settentrionale.