giovedì 8 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:45
giovedì 8 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:45

Fuga per le strade di Porto d’Ascoli. Braccato dalla polizia abbandona l’auto con a bordo una donna e una bambina

Nel bagagliaio dell'auto gli agenti hanno trovato banconote e oggetti preziosi. Il veicolo intercettato in autostrada
bespoke

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
Inseguono un’auto lungo l’autostrada fino alla Sentina, il conducente fugge ma a bordo trovano una donna e una bambina. E’ quanto accaduto poco prima delle 20 di ieri sera. Protagonista una Fiat Croma che è stata intercettata dalla pattuglia della Polizia Stradale lungo la corsia Sud dell’A14, nel tratto che viaggia tra i caselli di Porto San Giorgio e Pedaso. Gli agenti hanno notato qualcosa che ha attirato la loro attenzione così hanno seguito l’auto.

Superato il casello di Grottammare hanno deciso di intimare l’alt al veicolo che, anziché accostare, ha proseguito con maggior spinta lungo il proprio percorso deviando improvvisamente sulla rampa di uscita che conduce al casello di San Benedetto. Una volta uscita dall’autostrada la Croma ha percorso via San Giovanni sfrecciando di fronte al Porto Grande e arrivando fino alla strada che, superato il sottopassaggio del depuratore, conduce alle rampe della sopraelevata e alla Sentina.

La persona che era alla guida del veicolo non ha svoltato sulle rampe ma è andato dritto trovandosi di fronte, dopo poche decine di metri, ai blocchi di cemento che chiudono la strada. Così ha lasciato l’auto e se ne è andato via a piedi. Lui è riuscito, almeno per il momento, a dileguarsi ma a bordo dell’auto gli agenti hanno trovato una donna e una bambina. La donna, a quanto si apprende, avrebbe dichiarato di cono conoscere l’identità della persona che era al volante.

Nel bagaliaio dell’auto, inoltre, sono stati trovati soldi, oggetti preziosi e arnesi da scasso. Su tutta la vicenda sono al lavoro gli agenti della polizia autostradale che stanno lavorando in sinergia con i commissariati di San Benedetto e Fermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

La Lancette
mediateca

TI CONSIGLIAMO NOI…