Follia a Grottammare, si ferisce alle braccia e poi si butta in acqua. Soccorso da carabinieri e 118

Print Friendly, PDF & Email

GROTTAMMARE – Momenti di follia nella serata di ieri a Grottammare. Un uomo di origini dell’Est Europa, residente in città, è infatti stato soccorso dai carabinieri della stazione di Cupra Marittima e dal personale del 118 in seguito ad una serie di ferite che si sarebbe inferto alle braccia con una bottiglia rotta.

E’ tutto accaduto in spiaggia e, dopo essersi ferito, si è buttato in acqua. Mancavano pochi minuti alle 22 e in giro c’erano ancora alcune persone che hanno iniziato ad urlare dando l’allarme e chiamando le forze dell’ordine. Alcuni passanti hanno anche cercato di tirare fuori dall’acqua il trentacinquenne che è stato poi messo in sicurezza dai militari della stazione di Cupra Marittima tempestivamente arrivati a bordo di una pattuglia. Con i carabinieri è giunto sul posto anche il personale del 118 a bordo di un’ambulanza partita dall’ospedale di San Benedetto.

La compagna, appena ventiquattro ore prima, si era presentata dai carabinieri di Grottammare affermando di essere stata picchiata in casa. I militari hanno però poco dopo appurato che l’uomo non aveva fatto nulla alla donna che, invece, era sotto effetto di alcol mischiato, probabilmente, anche ad altre sostanze.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI