mercoledì 1 Febbraio 2023
Ultimo aggiornamento 09:53
mercoledì 1 Febbraio 2023
Ultimo aggiornamento 09:53

E’ morto a 100 anni Giuseppe Romani. La marineria sambenedettese perde un gigante

Avrebbe compito 101 anni tra pochi giorni

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La marineria sambenedettese perde un personaggio che ha fatto la storia del porto e della pesca nostrana. A pochi giorni dal compimento di 101 anni è morto Giuseppe Romani. Era nato a San Benedetto il 27 settembre 1919. Una vita per il mare, la sua. Nato in una famiglia di 8 figli, con i suoi fratelli aveva iniziato a frequentare il porto sin da bambino accompagnando il papà Giovanni, proprietario di una piccola imbarcazione. Durante la seconda guerra mondiale, Giuseppe si imbarcò come nostromo per 6 anni sulla nave scuola “Amerigo Vespucci”. Tornato alla vita civile, avviò con i fratelli Gioacchino e Federico un’impresa di pesca in Adriatico con le imbarcazioni Clio, Faro ed Elisabetta. Poi, con il cognato Antonio Paolini, aveva allargato i suoi confini verso l’Atlantico, prima con il motopeschereccio Iside, poi con il motopeschereccio Jurong e rimane armatore fino a 85 anni. Da pensionato, amava trascorrere le giornate nel suo magazzino in viale Marinai d’Italia dove si diletta con ottimi risultati a costruire modellini di barche a vela o a creare quadri di nodi. Per diversi anni è stato presidente della Cooperativa dei pescatori, membro di commissioni d’esame per il rilascio delle patenti nautiche, protagonista di incontri con le scolaresche per trasmettere alle nuove generazioni la passione per la storia della marineria e insegnando come nascono i nodi marinari. La moglie Luce era scomparsa poco tempo fa, Lascia i figli Antonio, Gianni ed Elisabetta. I funerali saranno celebrati lunedì 14 settembre, alle 10, nella chiesa della Madonna della Marina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

peppe pizza
la baia
stuzziko
logobianco

Le Rubriche

Sfogliando               Pausa Caffè               Podcast

TI CONSIGLIAMO NOI…