Donna trovata morta a Centobuchi, la famiglia chiede l’autopsia. “Vogliamo chiarezza sulle ragioni del decesso. Tragedia annunciata”

Print Friendly, PDF & Email

MONTEPRANDONE – Verrà conferito martedì 30 ottobre alle ore 12.30 incarico per l’espletamento della autopsia disposta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Piceno sul corpo della 45enne trovata senza vitanell’abitazione della mamma venerdì pomeriggio a Centobuchi (CLICCA QUI).

“L’accertamento, che probabilmente verrà effettuato nella stessa giornata di martedì, è stato richiesto dalla famiglia – spiega l’avvocato Roberta Alessandrini, legale della famiglia della 45enne – in quanto non appaiono chiare le ragioni del decesso, un dato importante per i congiunti che dal mese di giugno di questo anno si sono presi cura della donna e soprattutto hanno chiesto aiuto e sostegno alle varie istituzioni competenti, attraverso una vera e propria via crucis ininterrotta, Servizio per le Dipendenze, Reparto di Psichiatria, Servizi alla Persona del Comune di Monteprandone, al fine di trovare una soluzione per le problematiche psico-fisiche della donna”.

Ora la famiglia vuole capire se ci siano dei responsabili e quali per la morte di questa donna di 45 anni sia pensando alle condizioni nelle quali alla fine di maggio veniva dimessa dall’Istituto di pena nel quale si trovava, sia in relazione ai successivi rapporti con i sanitari e burocrati.

Secondo i familiari comunque una “tragedia annunciata” della quale pertanto oggi è importante conoscere ogni dettaglio. Per ora il procedimento è contro ignoti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI