giovedì 26 Maggio 2022 – Aggiornato alle 19:42

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Da mercoledì l’eliambulanza volerà anche di notte. Ma a San Benedetto non ci sono posti per atterrare

Pronte all'uso diverse piazzole anche nella zona montana
▲ Eliambulanza (immagine di repertorio)
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’entroterra si, la Riviera no. Da mercoledì 24 febbraio l’eliambulanza del 118 marchigiano inizierà la possibilità di effettuare voli notturni. La Babcock, l’azienda che si è aggiudicata la gestione del servizio per sette anni, ha infatti predisposto tutto il necessario per garantire i voli notturni dell’elicottero di emergenza sanitaria che fa base a Fabriano. Dispositivi che consentono l’atterraggio anche in piazzole non autorizzate dall’Enac, grazie alla possibilità di aumentare il livello di visibilità ai piloti.

Così l’elicottero, che nelle ultime settimane ha effettuato numerose esercitazioni sui cieli della provincia, potrà atterrare a Comunanza, Montegallo, Acquasanta, Montemonaco e nelle due piattaforme ascolane della Protezione Civile e dei vigili del fuoco. In Riviera, invece, non c’è nulla. Al momento, per quanto riguarda San Benedetto, il piatto piange anche se l’allestimento di un’area di atterraggio notturno in zona costiera rientra nei programmi dell’Asur.

bio 250

Ultime notizie

marina 250

TI CONSIGLIAMO NOI…