Cupra, dalla Regione nuovi fondi per la scuola. La cifra arriva quasi al milione e mezzo. E aumentano anche le iscrizioni

Print Friendly, PDF & Email


CUPRA MARITTIMA – E’ con soddisfazione che il sindaco di Cupra Marittima, Alessio Piersimoni, parla di obiettivo raggiunto. L’ufficio Ricostruzione della Regione ha raddoppiato la cifra destinata all’adeguamento sismico della scuola portandolo dai circa 750mila euro iniziali ad ad oltre un milione e 400 mila euro. “Dopo l’incontro con la vice presidente della Regione Anna Casini – spiega il sindaco – abbiamo aperto un dialogo con l’ufficio Ricostruzione al quale abbiamo comunicato quanto anticipato alla vice presidente, cioè che con quei soldi non saremmo riusciti a portare a termine il progetto di adeguamento così come ce lo eravamo prefissati”.

Da lì la decisione di raddoppiare il fondo mettendo in campo i fondi necessari ad intervenire. Al lavoro c’è il responsabile dell’ufficio tecnico del Comune Luca Vagnoni con lo staff. Il sindaco ha ringraziato lui e i due consiglieri che hannolavorato, e stanno lavorando, per l’obiettivo: “Un grazie – spiega – alla consigliera delegata alla scuola Alessandra Lanciotti e al consigliere delegato ai lavori pubblici Stefano Brutti. Grazie ovviamente alla Regione e ai tecnici dell’Ufficio Ricostruzione per la disponibilità dimostrata”. Ai lavori per l’adeguamento sismico finanziati dalla Regione saranno affiancati ulteriori interventi di manutenzione per circa 15mila euro messi a bilancio dall’amministrazione comunale.

Tra l’altro, dopo il sensibile calo delle iscrizioni che si era registrato negli ultimi due anni, stanno aumentando le iscrizioni alle varie classi dell’Istituto Scolastico Comprensivo. “Alle medie – spiegano Piersimoni e Lanciotti – abbiamo già aumentato di una classe”. Sarebbe stato necessario aumentare anche altre sezioni ma diverse iscrizioni sono arrivate in ritardo, una volta che gli organici erano già stati allestiti. “La conseguenza – spiega Lanciotti – sarà che alcune classi saranno un po’ più affollate”.


CONDIVIDI